migliori o peggiori

10 Oct 17

Una delle credenze che abbiamo registrato più in profondità nelle nostre menti, e che ci fa tanto male, è quella nell’esistenza di persone migliori o peggiori di altre. Credere che tutto nella vita è una gara e ci sono vincitori e perdenti. Che c’è sempre qualcuno meglio di noi e peggio di noi, qualcuno che sta meglio e qualcuno che sta peggio. Sentirci inferiori ad alcuni e superiori ad altri… Più o meno consapevolmente, abbiamo bisogno di sentirci superiori a qualcuno perchè ci hanno fatto sentire inferiori tante volte.

È questo benedetto bisogno di giudicare, di prevenire, di proteggerci, che ci frega più volte di quante ci aiuta. Quando incontriamo qualcuno dobbiamo per forza capire se è una minaccia o se non lo è. Quando parliamo con una persona subito ci chiediamo se è più bello o più brutto, più o meno intelligente, più o meno pericoloso. È un bisogno inconsapevole, ma questo non vuol dire che sia naturale, istintivo o inevitabile

È sempre solo una credenza, legata a pensieri e sentimenti e la possiamo cambiare. E, come tutte le credenze su quello che succede o deve succedere fuori di noi nasconde una credenza su noi stessi. Quando valutiamo le persone per capire se sono minace, lo facciamo perchè ci crediamo fragili e deboli. Spesso più di quanto in realtà siamo. Infatti, più cerchiamo di difenderci più ci sentiamo piccoli e bisognosi.

La buona notizia è che a qualsiasi credenza possiamo smettere di credere. Il loro potere su di noi viene dal fatto che crediamo siano assoluti, sempre e ovunque, in qualsiasi circostanza. Ma hanno sempre dei punti deboli, dei momenti, dei luoghi, delle eccezioni. Possiamo debilitarle e dare la possibilità alle credenze opposte di diventare forte.

Se pensiamo spesso che la diversità è una minaccia perchè siamo tutti nemici, possiamo sempre allenarci a pensare che siamo tutti una squadra e servono delle persone di ogni tipo e di ogni genere. Se ci rispettiamo tutti e ci accettiamo senza cercare di cambiare nessuno per farci diventare tutti uguali… potremmo fare molto di più con le nostre vite!

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.