migliori o peggiori

Una delle credenze che abbiamo registrato più in profondità nelle nostre menti, e che ci fa tanto male, è quella nell’esistenza di persone migliori o peggiori di altre. Credere che tutto nella vita è una gara e ci sono vincitori e perdenti. Che c’è sempre qualcuno meglio di noi e peggio di noi, qualcuno che sta meglio e qualcuno che sta peggio. Sentirci inferiori ad alcuni e superiori ad altri… Più o meno consapevolmente, abbiamo bisogno di sentirci superiori a qualcuno perchè ci hanno fatto sentire inferiori tante volte.

È questo benedetto bisogno di giudicare, di prevenire, di proteggerci, che ci frega più volte di quante ci aiuta. Quando incontriamo qualcuno dobbiamo per forza capire se è una minaccia o se non lo è. Quando parliamo con una persona subito ci chiediamo se è più bello o più brutto, più o meno intelligente, più o meno pericoloso. È un bisogno inconsapevole, ma questo non vuol dire che sia naturale, istintivo o inevitabile

È sempre solo una credenza, legata a pensieri e sentimenti e la possiamo cambiare. E, come tutte le credenze su quello che succede o deve succedere fuori di noi nasconde una credenza su noi stessi. Quando valutiamo le persone per capire se sono minace, lo facciamo perchè ci crediamo fragili e deboli. Spesso più di quanto in realtà siamo. Infatti, più cerchiamo di difenderci più ci sentiamo piccoli e bisognosi.

La buona notizia è che a qualsiasi credenza possiamo smettere di credere. Il loro potere su di noi viene dal fatto che crediamo siano assoluti, sempre e ovunque, in qualsiasi circostanza. Ma hanno sempre dei punti deboli, dei momenti, dei luoghi, delle eccezioni. Possiamo debilitarle e dare la possibilità alle credenze opposte di diventare forte.

Se pensiamo spesso che la diversità è una minaccia perchè siamo tutti nemici, possiamo sempre allenarci a pensare che siamo tutti una squadra e servono delle persone di ogni tipo e di ogni genere. Se ci rispettiamo tutti e ci accettiamo senza cercare di cambiare nessuno per farci diventare tutti uguali… potremmo fare molto di più con le nostre vite!

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.