Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Devo fare una premessa, ho fatto fatica a leggerlo perchè è scritto con un linguaggio e una modalità che a volte mi risultava persino fastidioso, per un tipo di donna che è l’opposto di quello che sono io. Ma io leggo anche per consigliare e ho continuato pensando che a volte devo consigliare a persone molto diverse da me.

Infatti, non mi sono pentita, superato il problema con la forma e  con l’atteggiamento complice con una donna che ha problemi molto diversi dei miei, ve ne parlo perchè il contenuto è veramente molto valido.

Come tutti i libri di questo tipo, parla di ordinare una volta per tutte e di mantenere l’ordine sfruttando sinergie e creando abitudini “da persone ordinate” per il piacere di vedere la casa in ordine, partendo dalla massima universale, “un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto”.

Gli elementi che più mi sono piacciuti sono:

  • propone il lavoro come un gioco, qualcosa di gioioso, e si parte con l’incentivo di preparare una festa di “inaugurazione” della “nuova casa”;
  • e anche come un progetto, qualcosa da suddividere in fasi e gestire “managerialmente”;
  • parla di disfarsi del superfluo in modo intelligente e non solo di buttare quel che non usiamo più;
  • parla di estetica ma anche di funzionalità del “nuovo ordine” per l’uso di ogni giorno;
  • spiega come fare il lavoro gradualmente usando contenitori e spazi “di passaggio.

L’avete letto? no? Leggetelo e ditemi se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.