ma sarebbe meglio se…

Ieri sera, parlando con mia figlia più piccola, arrabbiata al mio ennesimo no all’ennesima richiesta di acquisto di qualcosa di assolutamente innecessario dal mio punto di vista e assolutamente importante dal suo, sono riuscita a mettere nero su bianco e a fuoco uno dei più grandi problemi della nostra società, del nostro tempo, soprattutto per i bambini e ragazzi che non hanno vissuto altri tempi. L’incapacità di godersi quello che abbiamo, sempre in cerca di qualcosa di meglio.

Nemmeno quando abbiamo faticato per ottenerlo, dovuto dedicare del tempo (come per esempio tutti gli anni dedicati a prenderci una laurea), dovuto risparmiare dei soldi (per esempio per comprare una casa o una macchina, o persino un cellulare nuovo), dovuto rinunciare a qualcosa (come quando ci mettiamo a dieta per dimagrire o andiamo in palestra per avere un corpo più atletico). In ognuno di questi casi, c’è sempre qualcosa di meglio, a volte anche impossibile, che ci rende impossibile goderci questo momento, dobbiamo fare un master, in fondo volevamo una casa o una macchina migliore, o il nostro corpo comunque non è quello delle modelle e i modelli delle riviste.

Il fatto è che siamo sempre alla ricerca di quel “meglio“, che spesso è un ideale che non può proprio diventare reale. E questo ci impedisce di vedere quello che già abbiamo e godercelo al massimo. Questa è una delle principali differenze fra un perfezionista e un ottimizzatore, il perfezionista ha bisogno della perfezione e non si ferma fino a raggiungerla. L’ottimizzatore accetta e si gode le situazioni come sono e cerca di migliorarle poco a poco.

Viviamo in una società molto malata, in cui gli estremi della normalità sfiorano pericolosamente quello che chiamiamo malattie mentali. Quello che fra amici definiamo “troppo perfezionista” non è tanto lontano dai veri ossessivi compulsivi. E questi ultimi non sono che una esagerazione della comune ricerca di qualcosa di meglio. È una questione di livelli di disconnessione con la capacità di vivere e sentire piacere anche se la realtà è quella che è.

La buona notizia è che possiamo allenarci a vivere la realtà com’è, a goderci quello che abbiamo, quello che sentiamo, persino la nostra capacità di stare male, goderci che possiamo entrare ed uscire dalla tristezza o dalla rabbia… che abbiamo delle cose che molti non sognano nemmeno, e trovare una visione più serena del mondo.

 

 

 

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.