ma come fai?

24 May 21

Dicono che c’erano una volta, due gemelli che vivevano in un piccolo paese, con le loro famiglie. Erano cresciuti insieme, lavoravano insieme, facevano molte cose insieme perchè passavano molto tempo insieme, ma vivevano vite completamente diverse, uno viveva una bellissima vita e l’altro no.

Dicono che un giorno, mentre tornavano a casa dal lavoro, insieme perchè abitavano vicino e potevano condividere la macchina, il maggiore guidava con il suo perenne sorriso e il più piccolo era sul sedile del copilota con il suo solito broncio. Viaggiavano in silenzio fino a quando il piccolo disse:

– Ma come cavolo fai?

– Cosa vuoi dire? – disse il fratello maggiore tornando dai suoi pensieri, con la sua candida ingenuità. – Come faccio cosa?

– Come fai ad essere sempre allegro, felice e spensierato… – disse il piccolo con la fronte corrugata e il viso stanco – Con tutto quello che ci è succeso e ci sta succedendo. Quando abbiamo perso la mamma, tutti e due eravamo piccoli, tu eri un po’ più grande e ti sei sempre preso cura di me. Anche quando mia moglie si è ammalata sei stato lì per me, sempre col sorriso. E quando non riuscivamo ad avere dei figli,tu e tua moglie siete sempre stati un conforto per noi. E adesso con la pandemia, con i problemi che abbiamo avuto con il lavoro, con il mondo che sembra stare andando in rovina, come fai a non vedere tutto questo, come fai a continuare a sorridere tutto il tempo?

– È facile, – rispose il fratello maggiore con la sua solita calma – non è che non veda le cose brutte, ma è che vedo soprattutto tutte le cose belle che viviamo, vedo che quando nostra mamma è morta, nostro padre ha fatto di tutto per noi e perchè non ci mancasse nulla, quando tua moglie si è ammalata, vedevo la sua forza oltre la malattia e preferivo porre tutta la mia attenzione su quella, come quando non riuscivate a fare figli, ho sempre dato più peso alle cose belle e alla speranza…

– Ma, – disse il piccolo – da dove prendi tutta questa speranza, ora che tutto sta andando male…

– La mia speranza viene dalla mia esperienza e dal mio realismo, guarda che la vita è fatta di cose più o meno belle, e dopo ogni cosa brutta è arrivata una bella, mi chiedo come fai tu a non vederlo, e soprattutto perchè.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.