ma come fai?

Dicono che c’erano una volta, due gemelli che vivevano in un piccolo paese, con le loro famiglie. Erano cresciuti insieme, lavoravano insieme, facevano molte cose insieme perchè passavano molto tempo insieme, ma vivevano vite completamente diverse, uno viveva una bellissima vita e l’altro no.

Dicono che un giorno, mentre tornavano a casa dal lavoro, insieme perchè abitavano vicino e potevano condividere la macchina, il maggiore guidava con il suo perenne sorriso e il più piccolo era sul sedile del copilota con il suo solito broncio. Viaggiavano in silenzio fino a quando il piccolo disse:

– Ma come cavolo fai?

– Cosa vuoi dire? – disse il fratello maggiore tornando dai suoi pensieri, con la sua candida ingenuità. – Come faccio cosa?

– Come fai ad essere sempre allegro, felice e spensierato… – disse il piccolo con la fronte corrugata e il viso stanco – Con tutto quello che ci è succeso e ci sta succedendo. Quando abbiamo perso la mamma, tutti e due eravamo piccoli, tu eri un po’ più grande e ti sei sempre preso cura di me. Anche quando mia moglie si è ammalata sei stato lì per me, sempre col sorriso. E quando non riuscivamo ad avere dei figli,tu e tua moglie siete sempre stati un conforto per noi. E adesso con la pandemia, con i problemi che abbiamo avuto con il lavoro, con il mondo che sembra stare andando in rovina, come fai a non vedere tutto questo, come fai a continuare a sorridere tutto il tempo?

– È facile, – rispose il fratello maggiore con la sua solita calma – non è che non veda le cose brutte, ma è che vedo soprattutto tutte le cose belle che viviamo, vedo che quando nostra mamma è morta, nostro padre ha fatto di tutto per noi e perchè non ci mancasse nulla, quando tua moglie si è ammalata, vedevo la sua forza oltre la malattia e preferivo porre tutta la mia attenzione su quella, come quando non riuscivate a fare figli, ho sempre dato più peso alle cose belle e alla speranza…

– Ma, – disse il piccolo – da dove prendi tutta questa speranza, ora che tutto sta andando male…

– La mia speranza viene dalla mia esperienza e dal mio realismo, guarda che la vita è fatta di cose più o meno belle, e dopo ogni cosa brutta è arrivata una bella, mi chiedo come fai tu a non vederlo, e soprattutto perchè.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Modelli di famiglia (2001)

Modelli di famiglia (2001)

Questa settimana, ho letto di nuovo un libro di Giorgio Nardone, Modelli di famiglia, un libro meraviglioso sui rapporti all’interno delle famiglie e sui loro sviluppo e come condiziona la vita di ogni uomo, di ogni donna, dei genitori, e dei figli, sia all’interno della famiglia che all’esterno nei rapporti con gli altri.

i minatori

i minatori

Dicono che c’era una volta un maestro molto amato dai bambini per le sue spiegazioni e per i suoi esempi, spesso preferivano ascoltare le sue storie anche durante la ricreazione, invece di giocare a pallone. Un giorno i bimbi parlavano di potere e gli chiesero chi erano le persone più potenti in assoluto.

Basta dirlo (2021)

Basta dirlo (2021)

Anche questa settimana, ho letto un libro di Wayne Dyer,  questa volta è stato un libro di cui avevo visto un documentario perchè hanno fatto anche il DVD: Il cambiamento. Dall’ambizione al senso della vita. Viaggio spirituale alla ricerca dello scopo dell’esistenza.