l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…

Era una orchestra gigantesca, con tantissimi suonatori, in cui ogni strumento era lì a formare una perfetta armonia… c’erano arpe, violini, trombe, flauti, violoncelli… di tutto… persino c’era uno piccolo, più piccolo di una penna, che si nascondeva tra le mani… l’ottavino, un piccolissimo strumento con un suono dolce e leggero.

Ogni giorno l’orchestra faceva le prove per il concerto… un giorno erano tutti lì e i musicisti iniziarono a suonare… l’ottavino cominciò ad emettere il suo dolce suono, ma lì dove era messo in un angolo tra tutti gli altri strumenti, non si sentiva… il musicista cominciò a sentirsi inutile, e a pensare di non voleva più suonare…

Tra sè e sè, il musicista penso: “non suonerò più, quando saremo tutti pronti a partire io farò finta di suonare, nessuno lo noterà”.

Il giorno dopo, le prove iniziarono, i musicisti si preparano, iniziano a suonare, tutti, tranne il nostro musicista, nel suo angolo, che fece solo finta di suonare..

Il maestro ad un certo punto fermò l’orchestra, si diresse al nostro musicista e gli chiese: “perché non stai suonando? Io non sento il suono dolce dell’ottavino..”

Il musicista intimidito gli rispose: “maestro… che ci faccio io qui, il mio strumento è piccolo e insignificante rispetto agli altri… sono inutile..”

– Che sei picolo è innegabile, – disse il maestro – ma insignificante e inutile, sono cose che ti sembrano da lì dove sei seduto. Dal luogo in cui siamo io e il pubblico si sente moltissimo la differenza. Loro non sanno cos’è, ma io sì. Mancavi tu…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Pazzo di lei (2021)

Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

lo scemo del villaggio

lo scemo del villaggio

Dicono che c’era una volta un villaggio sperduto in cui l’attrazione turistica principale era lo scemo del villaggio, al quale i turisti e le persone del luogo, erano soliti prendere in giro, per l’ignoranza che sfoggiava del valore delle monete.

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.