l’ospedale psichiatrico

Dicono che c’era una volta, un professore di psicologia che il primo anno mostrava ai suoi allievi alcune delle due foto di un vecchio ospedale psichiatrico, ogni anno qualche studente chiedeva come  facevano i dottori per capire che tipo di persone avessero di fronte.

– Bella domanda – disse il professore – usavano la prova della vasca. Portavano la persona nei bagni, riempivano una delle vasche di acqua, e le chiedevano di svuotarla il più velocemente possibile, se volevano con un secchio, con un bicchiere o con un cucchiaio.

– Capisco, quelli sani di mente erano quelli che usavano il secchio, che è molto più capiente del bicchiere e del cucchiaio… – disse lo studente che si sentiva molto sicuro di se stesso.

– Siete tutti d’accordo? – aggiunse l’insegnante – Qualche altra idea? Voi cosa avreste scelto? Qualcuno avrebbe scelto diversamente?

– Io – disse una ragazza in fondo alla classe attirando tutti gli sguardi e qualche risata.

– Cosa avresti scelto? – chiede il professore fiducioso.

– Avrei tolto il tappo. Se è una vasca, si svuota togliendo il tappo, no? – disse e tutte le risatine sparirono, i suoi compagni si guardavano stupiti e quasi si poteva vedere come cambiavano idea.

– Brava, a volte bisogna immaginare fuori dagli schemi e scegliere oltre alle opzioni che ci vengono offerte. Non dimenticate mai di usare la vostra testa e la vostra intuizione insieme a tutte le conoscenze che vi daremo in questi anni e tutte quelle che troverete nei libri che leggerete.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.