l’ordine delle cose

22 Nov 21

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote, qualcosa che potesse custodire come un tesoro di generazione in generazione.

Pensò per molto a cosa potrebbe augurare al meglio la continua prosperità per la sua famiglia, e alla fine prese u grande tela e scrisse, con la sua migliore calligrafia: «Muore il padre, muore il figlio, muore il nipote».

Quando l’uomo ricco che l’aveva commissionato vide la frase andò in collera: – Io ti avevo chiesto di scrivere qualcosa per la felicità della mia famiglia! Perché mi fai uno scherzo del genere? -urlò pieno di rabbia

– Non sto scherzando affatto, anzi -spiegò l’uomo saggio- Questo il migliore augurio che si possa fare. Che la morte arrivi alla famiglia seguendo il giusto ordine delle cose.

L’uomo lo guardava incredulo, l’unica cosa che lo tratteneva era il grande rispetto che sentiva per il saggio.

– Se prima che tu muoia dovesse morire tuo figlio, -continuò- per te sarebbe un grande dolore. Se tuo nipote morisse prima di tuo figlio, ne avreste entrambi il cuore spezzato. No?

L’uomo assentì molto più sereno.

– Se la tua famiglia, di generazione in generazione, muore nell’ordine che ho detto, sarà il corso naturale della vita. Questa per me è la vera prosperità.

L’uomo ricco pagò felice della frase, dell’augurio e di quello che sarebbe stato il suo legato, per suo figlio, che avrebbe potuto passare a suo figlio e lui al suo e così via, per avere una famiglia benedetta dall’ordine delle cose.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.