l’Isola delle Rose (2020)

Questa settimana, mi sono guardata L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, sempre su Netflix, una meravigliosa storia basata su fatti realmente accaduti. Infatti è come la vita, piena di amore, di creatività, di anarchia contro un mondo che non va che finisce male e allo stesso tempo bene.

Racconta la storia di Giorgio Rosa, un ingeniere un po’ matto, incompreso e ribelle che, per conquistare la donna che ama, e che gli dice che non puì stare con lui perchè lui non sa stare al mondo, decide di crearsi un mondo tutto suo, un’isola su una piattaforma al largo delle acque territoriali italiane. La piattaforma artificiale diverrà micronazione il 1º maggio 1968 e sarà demolita nel febbraio del 1969.

Ho amato ogni istante, anche se non conoscevo i personaggi, ho riconosciuto atteggiamenti e situazioni, ho pianto quando i militari hanno distrutto il sogno, e riso quando ho saputo che comunque, è servito a quello che era il suo fine ultimo.

Se non l’avete visto ve lo consiglio, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate, ne sono curiosa.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.