L’implacabile, running man (1987)

20 Jan 22

Oggi voglio parlarvi di un film di fantascienza degli anni 80, con , in inglese The running man, in italiano L’implaccabile, che parla di un futuro distopico in cui la forbice tra ricchi e poveri è diventata gigante, l’educazione quasi scomparsa e le uniche informazioni arrivano dalla tv.

Un film che parla di come, nel 2017, in una società divisa dalla propaganda e aizzata all’odio dai media, un uomo condannato ingiustamente lotti per la sua vita, e quella dei suoi compagni, in una gara truccata in ogni modo possibile, come la verità. In un mondo in cui lo spettacolo, uno spettacolo nello stile che era di moda negli anni 80, come la

Credo sia una bellissima riflessione proprio sulle cose in cui crediamo, e sugli effetti che permettiamo che abbiano sulle nostre emozioni, perchè sono una porta aperta alla manipolazione, che sia da persone che conosciamo, da gruppi a cui sentiamo di appartenere, o delle istituzioni.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.