leggere meglio

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto, abbiamo parlato delle proiezioni, di cosa sono, anche con l’aiuto di google, di come funzionano, di come ci fregano e di come possiamo diffenderci perchè non ci rovinino la vita.

Siamo partiti da come si formano, ovvero, cosa proiettiamo. La definizione dice che proiettiamo qualcosa di noi, e molti pensano che vuol dire che proiettiamo “i nostri diffetti”. Ma è molto più complesso. Proiettiamo quello che crediamo, le nostre esperienze pregresse, le nostre paure, le nostre frustrazioni…

Il problema, o la ragione per cui ne abbiamo parlato, è che crediamo di reagire alle situazioni ma in realtà reagiamo alle letture che ci diamo di esse. E, nella lettura, c’entrano più le nostre proiezioni che le situazioni in se.

Partendo da un’analisi sbagliata, rischiamo di peggiorare la situazione, provocando quelle emozioni che in realtà prima non c’erano. L’abbiamo visto con diversi esempi, nell’amicizia, nell’amore, e nel lavoro.

Per evitare questi problemi abbiamo visto come la strategia più efficace sia quella di cercare altre informazioni, oltre alla nostra lettura. Possiamo chiedere alle persone diretta o indirettamente. Ma la cosa più importante è che dobbiamo chiedere con della curiosità neutrale e non solo per cercare prove di quello che crediamo.

E abbiamo parlato di uno strumento, un’altro dei miei acronimi preferiti, di cui avevamo già parlato in passato, l’ARIA, partendo dal fatto che tutte le nostre letture sono più o meno inquinate dalle nostre proiezioni.

C’eravate? vi è piaciuto, fra due settimane ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

il giardino della mamma

il giardino della mamma

Dicono che c’era una volta un ragazzino che abitava con sua mamma in una abitazione modesta ma circondata da un meraviglioso giardino. l giardino era talmente bello e ricco di fiori che la gente veniva da lontano per ammirarlo.

Il buon amore nella copia (2020)

Il buon amore nella copia (2020)

Tra i libri che ho letto per scrivere la nuova aventura di Felix, dopo Felix e il segreto delle chiavi magiche, uno di quelli che ho amato particolarmente é stato Il Buon Amore nella Coppia, quando uno più uno fa più di due, di Joan Garriga.

Altruisti si diventa (2016)

Altruisti si diventa (2016)

Ok, lo ammetto, devo sfruttare al massimo l’investimento fatto su Netflix, ma bisogna dire che, cercando bene, si trovano dei film carini e particolari. L’ultimo che ho visto è stato Altruisti si diventa con Paul Rudd e Selena Gomez.