leggere meglio

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto, abbiamo parlato delle proiezioni, di cosa sono, anche con l’aiuto di google, di come funzionano, di come ci fregano e di come possiamo diffenderci perchè non ci rovinino la vita.

Siamo partiti da come si formano, ovvero, cosa proiettiamo. La definizione dice che proiettiamo qualcosa di noi, e molti pensano che vuol dire che proiettiamo “i nostri diffetti”. Ma è molto più complesso. Proiettiamo quello che crediamo, le nostre esperienze pregresse, le nostre paure, le nostre frustrazioni…

Il problema, o la ragione per cui ne abbiamo parlato, è che crediamo di reagire alle situazioni ma in realtà reagiamo alle letture che ci diamo di esse. E, nella lettura, c’entrano più le nostre proiezioni che le situazioni in se.

Partendo da un’analisi sbagliata, rischiamo di peggiorare la situazione, provocando quelle emozioni che in realtà prima non c’erano. L’abbiamo visto con diversi esempi, nell’amicizia, nell’amore, e nel lavoro.

Per evitare questi problemi abbiamo visto come la strategia più efficace sia quella di cercare altre informazioni, oltre alla nostra lettura. Possiamo chiedere alle persone diretta o indirettamente. Ma la cosa più importante è che dobbiamo chiedere con della curiosità neutrale e non solo per cercare prove di quello che crediamo.

E abbiamo parlato di uno strumento, un’altro dei miei acronimi preferiti, di cui avevamo già parlato in passato, l’ARIA, partendo dal fatto che tutte le nostre letture sono più o meno inquinate dalle nostre proiezioni.

C’eravate? vi è piaciuto, fra due settimane ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.