leggere meglio

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto, abbiamo parlato delle proiezioni, di cosa sono, anche con l’aiuto di google, di come funzionano, di come ci fregano e di come possiamo diffenderci perchè non ci rovinino la vita.

Siamo partiti da come si formano, ovvero, cosa proiettiamo. La definizione dice che proiettiamo qualcosa di noi, e molti pensano che vuol dire che proiettiamo “i nostri diffetti”. Ma è molto più complesso. Proiettiamo quello che crediamo, le nostre esperienze pregresse, le nostre paure, le nostre frustrazioni…

Il problema, o la ragione per cui ne abbiamo parlato, è che crediamo di reagire alle situazioni ma in realtà reagiamo alle letture che ci diamo di esse. E, nella lettura, c’entrano più le nostre proiezioni che le situazioni in se.

Partendo da un’analisi sbagliata, rischiamo di peggiorare la situazione, provocando quelle emozioni che in realtà prima non c’erano. L’abbiamo visto con diversi esempi, nell’amicizia, nell’amore, e nel lavoro.

Per evitare questi problemi abbiamo visto come la strategia più efficace sia quella di cercare altre informazioni, oltre alla nostra lettura. Possiamo chiedere alle persone diretta o indirettamente. Ma la cosa più importante è che dobbiamo chiedere con della curiosità neutrale e non solo per cercare prove di quello che crediamo.

E abbiamo parlato di uno strumento, un’altro dei miei acronimi preferiti, di cui avevamo già parlato in passato, l’ARIA, partendo dal fatto che tutte le nostre letture sono più o meno inquinate dalle nostre proiezioni.

C’eravate? vi è piaciuto, fra due settimane ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.