Le vostre zone erronee (1976)

20 Oct 17

Oggi parliamo di un librio molto vecchio, scritto più di quarant’anni fa… e uno dei più letti del suo genere: Le vostre zone erronee. Bestseller al tempo della prima edizione, ha venduto più di 35 milioni di copie. In questo libro, il Dr. Wayne W Dyer chiama zone erronee alcune aree della nostra mente in cui rischiamo di perderci (credenze, pensieri, emozioni) per via di alcuni errori di percezione che ci impediscono di avere una vita piena, di sentirci realizzati e di avere la pace interiore che tutti meritiamo.

Fondamentalmente si tratta di credenze che ci fanno stare male perchè lontane dalla realtà. E perchè nel conflitto fra la realtà e la nostra credenza scegliamo di sostenere questa.

Ma basterebbe cambiare bando, metterci dalla parte della realtà, per migliorare sostanzialmente la nostra vita. Alcune delle più importanti sono:

  • Non posso dominare le mie emozioni, sono gli altri a causarle. Non è vero. Ne stiamo parlando da qualche settimana, loro possono proporci delle emozioni ma l’ultima parola è nostra.
  • Valgo solo quello che ottengo in cambio dei miei sforzi. Può essere così a scuola, e anche in altri ambiti ristretti, ma nemmeno sempre. Io valgo più di quanto posso fare, studiare, ecc.
  • Valgo quanto dicono gli altri. Fin da piccoli ci hanno insegnato ad ascoltare e ad ubbidire, ma quanto siamo allenati a pensare con la nostra testa, a valutare con la nostra testa, iniziando da noi stessi?
  • Io sono così. Se abbiamo fatto sempre in un certo modo, questo non vuol dire che non possiamo fare in un modo diverso, forse faremo fatica a cambiare, ma con un po’ di allenamento possiamo diventare come vogliamo.
  • La colpa e la preoccupazione sono emozioni necessarie. Ci hanno detto che se non le sentiamo siamo brutte persone. Ma queste emozioni sono
  • Lo sconosciuto è pericoloso. Ci hanno detto che dobbiamo rimanere sempre dove sappiamo cosa aspettarci, ma questo ci immovilizza e ci impedisce di evolverci.
  • Abbiamo sempre fatto così. Si deve fare così. Iniziamo a chiederci perchè? in modo da poter trovare nuove strade.
  • Procrastinazione, Dipendenze e Ira sono atteggiamenti inevitabili, umani, naturali. Che siano umani non vuol dire che siano inevitabili. E soprattutto, è l’esagerazione che limita le nostre possibilità e le nostre scelte.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.

siamo tutti speciali

siamo tutti speciali

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.