le mucche non danno latte

Dicono che c’era una volta, in un monsatero, due discepoli che discuttevano, uno proveniva da una famiglia più ricca e, per questa ragione, pretendeva di essere superiore all’altro. Il maestro gli ascoltò e poi disse: Le mucche non danno latte.

– In che senso, maestro, cosa c’entra? Parli sempre con parabole incomprensibili, cosa vuoi dire? le mucche non danno più il latte? qualcosa è cambiato? Tutti sanno che le mucche danno il latte, come le capre e le pecore…

 – Non esattamente. Le mucche non “danno il latte”. Per avere il latte bisogna mungerle. Alzarsi alle quattro del mattino, andare dove vivono le mucche, camminare tra i loro escrementi, legare la coda e le gambe della mucca in questione, sedersi in uno sgabellino dietro alla mucca, collocare un contenitore e fare i movimenti giusti.

– Questo è il segreto della vita, le mucche non danno il latte, se non vai a mungerle non hai latte.

– Viviamo in un mondo in cui molti pensano che le mucche danno latte, che tutto è automatico, gratis e facile. Sono abituati a vedere il latte nelle bottiglie negli scaffali del supermercato e a pagare per averlo. Voglio, chiedo e ricevo. Ma la realtà è che tutto richiede sforzi, e se non li fai tu li farà qualcun’altro.

– Se non vuoi fare lo sforzo, devi pagare qualcuno perchè lo faccia. E dipenderai sempre da lui o lei, molti si sentono più forti perchè pagano per le cose ma non lo sono veramente, anzi, se non sono pronti a fare lo sforzo e se non sanno come fare, sono i più deboli, e, in fondo lo sanno, per quello devono continuare a dimostrare la loro superiorità, perchè sanno che non è vera.

– Se volete essere veramente superiori, imparate a valervi, a fare le cose, e preparatevi per fare sforzi, così non dipenderete da nessuno…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.