Le 5 Ferite e Come Guarirle (2002)

Mercoledì, al giardino dei libri hanno fatto un webinar sul libro Le 5 Ferite e Come Guarirle, Rifiuto, Abbandono, Ingiustizia, Umiliazione e Tradimento, in cui Lise Bourbeau traccia cinque profili fisici, caratteriali e comportamentali, che corrispondono alle suddette cinque ferite dell’anima.

Con un linguaggio semplice e pratico, spiega come tutti i problemi di ordine fisico, emotivo o mentale derivino da 5 ferite originarie, che sono rifiuto, abbandono, ingiustizia, umiliazione e tradimento e ci mostra anche la via per guarirle.

Partendo dal fatto che ognuno di noi, per far sì che una ferita non ci faccia soffrire, costruiamo su di noi delle maschere, che mettiamo più o meno di frequente, a seconda della profondità della ferita e a partire dalla tenera età. Queste maschere possono diventare delle malattie.

Nei primi anni di vita, queste ferite possono attivarsi e marcare il nostro aspetto fisico. In più, per ogni ferita ci sarebbero determinati disturbi e malattie, delle quali la Bourbeau ha verificato la maggiore frequenza. Ad ogni ferita corrisponde una maschera, ma le persone possono avere i tratti di più maschere, di cui una è prevalente:

  • la ferita del rifiuto porta la maschera del “fuggitivo”;
  • la ferita dell’abbandono porta la maschera del “dipendente”;
  • la ferita da umiliazione porta la maschera del “masochista”;
  • la ferita da tradimento porta la maschera del “controllore”;
  • la ferita da ingiustizia porta la maschera del “rigido”.

 Una volta riconosciuta la maschera che ci sta facendo del male, c’è una ferita che va riconosciuta, accettata ed amata. È un manuale pratico pieno di strumenti precisi per comprendere quale ferita si nasconde dietro disturbi di diverso tipo, come l’eccessiva magrezza o il sovrappeso e problematiche croniche.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.