l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di un libro di Rolf Dobelli, L’arte di pensare chiaro (e di lasciare agli altri le idee confuse), me lo ha consigliato una mia amica, che mi ha detto le era stato molto ultile e l’ho adorato anche io, per la semplicità con cui parla e fa vedere gli “errori di logica” che tutti noi comettiamo normalmente.

L’argomento è lo stesso del libro di Nassim Nicholas Taleb, il cigno nero, infatti, nel prologo racconta come sia stato il suo rapporto con Taleb a portarlo a scrivere il libro con le sue riflessioni e intuizioni sull’argomento degli errori che comettiamo quando crediamo di usare la nostra logica per prendere delle decisioni ma in realtà stiamo usando scorciatoie che non sempre sono utili.

Nel libro ci sono 52 capitoli dedicati ad altretanti pregiudizi che possono portarci fuori strada, che ci portano a sottovalutare o a sopravalutare le cose, ognuno corredato di una domanda, un’invito a riflettere su ogni argomento. 

Come il pregiudizio di supervivenza, che ci fa sopravalutare le nostre probabilità di riuscire in un progetto, perchè vediamo attorno a noi solo notizie sulle persone che sono riuscite e nessuno parla di tutti quelli che non sono riusciti, anche se questo pregiudizio ci fa percepire in maniera distorta le proporzioni, i rapporti di casualità, le probabilità.

O quello dell’illusione del corpo del nuotatore, che ci fa confondere le cause e le conseguenze, perchè spesso, quando vediamo due cose che succedono contemporaneamente abbiamo la tendenza a immaginare una relazione di causa effetto, che spesso è inesistente.

Ma ce ne sono tantissimi, la riprova sociale, che ci fa pensare o fare, quello che pensa o fa la maggioranza, il pregiudizio di conferma, che ci fa ignorare le informazioni che vadano contro quello che già pensiamo, la fallacia dei costi irrecuperabili, che ci fa continuare a percorrere strade sbagliate, sopravalutando il tempo dedicato e insistendo anche se una parte di noi ha capito che non portano da nessuna parte.

L’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.