L’Arte di Pensare Chiaro (2013)

Oggi voglio parlarvi di un’altro libro molto pratico, L’Arte di Pensare Chiaro (e di lasciare agli altri le idee confuse) di Rolf Dobelli, un libricino di racconti con sostanza, non è nè un romanzo nè un saggio ma è insieme di riflessioni sulla vita.

 Un originale e divertente manuale ricco di spunti e consigli pratici per pensare con chiarezza, per non ripetere sempre gli stessi soliti errori e persino per imparare a sfruttare quelli degli altri.

Riflettendo sulle modalità di scelta che usiamo correntemente, si esaminano e mettono in discussione dall’autore esponendo le 52 domande con le loro risposte utili per prendere le decisioni migliori nella nostra vita di tutti i giorni.

Domande che possono sembrare assurde ma che portano a riflessioni importanti su argomenti molto più seri, e finiscono in dei consigli per vivere meglio la vita, con leggerezza e serenità.

 Consigli per tenere a bada le emozioni, per tenere a bada le mille aspettative, e le pretese degli altri, per tenere d’occhio il nostro EGO e le leggi nascoste dell’universo.

s

 

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.