L’amore ha due facce (1996)

Oggi voglio parlarvi di un film vecchiotto diretto e protagonizzato da Barbra Streisand, con Pierce Brosnan e Jeff BridgesL’amore ha due facce. Un’altra commedia romantica sulla paura dell’amore fisico e passionale che fa perdere il controllo e sull’amore come amicizia, come condivisione, come convivenza, sicuro e prevedibile…

Il film  racconta la storia di un professore di matematica che decide di rinunciare ala parte passionale del rapporto di coppia e di una professoressa di letteratura che decide di stare al gioco e si sposa ma il desiderio sessuale, scacciato dalla porta, rientrerà dalla finestra. Perchè non si può razionalizzare tutto, perchè anche le emozioni vogliono la loro parte, e possono distruggerci.

Una donna che è sempre stata spronata dalla madre, con le migliori intenzioni, perchè non è abbastanza bella, carina, delicata, a mangiare meno, a truccarsi di più, e che in fondo vuole solo essere amata in tutto e per tutto, per quello che è.

É un film che parla di rinunce e sacrifici, e dimostra come dicevamo qualche settimana fa, quando sacrifico qualcosa per ottenere qualcos’altro, se poi non lo ottengo… rimango senza niente. Fa vedere come ogni eccesso sia una rinuncia. Sia quando ci concentriamo sulla bellezza, su diventare attraenti, rinunciando ad essere noi stessi, che quando ci nascondiamo nella razionalità rinunciando alle emozioni.

E solo riprendendoci il controllo e cercando di essere noi stessi in tutto e per tutto, possiamo rischiare di essere felici.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…

Diventa chi sei (2018)

Diventa chi sei (2018)

Oggi vorrei parlare di un libro diverso, dopo le vacanze si torna al lavoro e molti si chiedono se il loro lavoro sia il migliore per loro o se dovrebbero cambiare. Emilie Wapnick nel suo libro Diventa chi sei, Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi, ci parla di come rispondere a questa domanda.

What women want (2000)

What women want (2000)

a settimana scorsa, dopo che ve ne ho parlato, mi sono guardata di nuovo What women want, del 2000. Erano tempi in cui le donne iniziavano timidamente ad reivindicare un ruolo più attivo da quello “tradizionale”, al lavoro e nella vita e questo spaventava alcuni uomini…