la vera cura

Dicono che c’era una volta un saggio che abitava in un paesino sperduto fra le montagne. Pochi lo conoscevano e ancora meno arrivavano da lui a chiedergli aiuto, ma nessuno mai era tornato deluso o senza una risposta.

Un giorno, suo nipote, che studiava marketing all’università, nella solita visita a casa per Natale, sentendo per l’ennesima volta le geste del nonno chiese perchè non si promuoveva di più. Se era così bravo, se la sua cura era miracolosa, perchè non faceva qualcosa per poter aiutare più persone. Il ragazzo era entusiasta, nei suoi occhi c’erano scintille al pensiero di fare le cose in grande.

– Non credo sia una buona idea, anche se è vero che ci sono molte persone con problemi. Devi sapere che la vera cura miracolosa costa troppo.

– Ma cosa dici? Se ti fai pagare pochissimo?
    – Non in soldi, infatti, spendono tanti soldi in cure “miracolose”, in fondo sanno che non funzioneranno, ma non vogliono ammetterlo. Il problema, caro mio – disse il nonno – è un’altro, la mia cura non è per tutti.

– Cosa vuol dire che non è per tutti, non tutti farebbero qualunque cosa per stare meglio, per guarire, per risolvere i propri problemi? – chiese il ragazzo molto sorpreso.

– No, secondo la mia esperienza, no. Il fatto è che i nostri problemi sono conseguenza delle nostre credenze, delle scelte e delle nostre abitudini, e la maggior parte delle persone non è pronta o disposta a cambiarle.

 – Per esempio, – disse vedendo la faccia sorpresa del ragazzo – le persone obese vogliono dimagrire senza smettere di mangiare male, ma non mettersi a dieta; le persone che lavorano troppo per pagare uno stile di vita costoso vogliono guadagnare senza lavorare ma non vogliono mai cambiare lavoro. La vera cura è semplice ma non tutti la vogliono, perchè cambiare è sempre la soluzione ma fa troppa paura.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.