la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

Questo triangolo, descritto da Byrne e Karpman, è costituito di nuovo da tre tipi di personalità, intrecciate fra loro in una specie di schema, in cui ognuno recita il suo ruolo come se avesse un copione: una vittima, che soffre per colpa di un carnefice e cerca un salvatore che la aiuti a smettere di soffrire.

Chiaramente, non parliamo di reali situazioni di maltrattamenti, ma di quelle situazioni in cui una persona si sente una vittima, sente di non poter fare niente da sola, non ha nessuna speranza e ritiene che tutti i suoi problemi siano colpa di qualcun’altro. Considera chiunque lo aiuti un salvatore e chiunque lo contradica o lo ostacoli un carnefice. La trappola è proprio questa, per la vittima, se non l’aiuti, diventi un carnefice. Mentre la vittima si sente giustificata per passare dalla parte del torto.

La principale differenza con gli stati dell’io è che, in questo caso tutte e tre sono nevrotiche e nessuna è funzionale,  perchè nessuna è realista, tutte partono da un concetto errato, il fatto che la felicità di una persona possa dipendere da altre.

La buona notizia è che basta prendersi la propria responsabilità e lasciare agli altri la loro, smettere di parlare di colpe ed essere realistici.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che la nostra felicità dipende da noi e quella degli altri da loro. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Il drago dei desideri (2021)

Il drago dei desideri (2021)

Anche questa settimana mi sono guardata una commedia americana, I care a lot, una storia di truffatori, una truffa agli anziani molto più soffisticata del solito, che funziona fino a quando si scontra con qualcuno più forte e più cattivo.

l’erba blu…

l’erba blu…

Dicono che c’era una volta un uomo rimasto vedovo che si trovò da solo a prendersi cura delle sue due figlie, due bambine molto intelligenti e assai curiose, tanto che prima di fare qualsiasi cosa, ponevano mille domande al padre, spesso sembrava si divertissero a metterlo in difficoltà.

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Siccome in questo periodo sto lavorando molto sulla genitorialità, mi sono letta Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita,  di Giorgio Nardone. Un bellissimo libro sulla terapia indiretta, in cui i genitori assumono il ruolo decisivo di “coterapeuti” e diventano gli “specialisti” più vicini a cui i figli possono affidarsi.