la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

Questo triangolo, descritto da Byrne e Karpman, è costituito di nuovo da tre tipi di personalità, intrecciate fra loro in una specie di schema, in cui ognuno recita il suo ruolo come se avesse un copione: una vittima, che soffre per colpa di un carnefice e cerca un salvatore che la aiuti a smettere di soffrire.

Chiaramente, non parliamo di reali situazioni di maltrattamenti, ma di quelle situazioni in cui una persona si sente una vittima, sente di non poter fare niente da sola, non ha nessuna speranza e ritiene che tutti i suoi problemi siano colpa di qualcun’altro. Considera chiunque lo aiuti un salvatore e chiunque lo contradica o lo ostacoli un carnefice. La trappola è proprio questa, per la vittima, se non l’aiuti, diventi un carnefice. Mentre la vittima si sente giustificata per passare dalla parte del torto.

La principale differenza con gli stati dell’io è che, in questo caso tutte e tre sono nevrotiche e nessuna è funzionale,  perchè nessuna è realista, tutte partono da un concetto errato, il fatto che la felicità di una persona possa dipendere da altre.

La buona notizia è che basta prendersi la propria responsabilità e lasciare agli altri la loro, smettere di parlare di colpe ed essere realistici.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che la nostra felicità dipende da noi e quella degli altri da loro. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

perchè sono così povero?

perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese: