la trappola della comodità

Dicono che c’era una volta un professore amato da tutti i suoi studenti, non era il più compassionevole, nè il più delicato ma ci teneva a loro, e cercava sempre di aiutarli anche se a volte non lo faceva nel modo in cui loro avrebbero voluto. Raccontano che un giorno due ragazzi si lamentò della vita da studenti.

– Credete che la vostra vita sia dura? Mi fate ridere – disse e tutti i ragazzi si zittirono per ascoltarlo, perchè sapevano che le sue parole, anche se non erano sempre dolci e carine, erano sempre giuste. – Voi non sapete cosa vuol dire una vita dura. Non é colpa vostra ma è così. Siete nati in questo momento storico in cui il Dio comodità è venerato da tutte le istituzioni, dalla famiglia allo stato e pretende dei sacrifici enormi che tutti danno per normali.

– Credete che la vostra vita “da studenti” sia dura? Tutto quello che dovete studiare, gli esami, le interrogazioni programmate, il poco tempo da dedicare agli amici e i problemi sentimentali. Tutto questo è solo l’inizio e può solo peggiorare. Dovrete lavorare molto, avrete sempre meno tempo, e i problemi sentimentali diventeranno ancora più complicati.

– Credete che nessuno vi capisca e che a nessuno importi di voi. È vero, in questo mondo dedicato al Dio Comodità, a nessuno frega niente di nessuno perchè la comodità presuppone che qualcuno faccia il lavoro o lo sforzo che non vogliamo fare noi.

– E non solo, il Dio Comodità è un Dio subdolo, ci fa volere sempre  sempre di più, ci fa rifiutare qualsiasi sforzo e ogni difficoltà da cui potremmo uscire più forti.

– La buona notizia è che c’è una sola scappattoia. Il Dio comodità ha già tanti sudditi e non gli interessa se qualcuno non lo adora… Se smettete di fargli sacrifici non si arrabbiaerà e non andrà contro di voi, se fate quel che veramente volete, vi lascerà godere la vita come vi meritate.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.