la tovaglia delle feste

14 Dec 20

Dicono che c’era una volta una nonna che aspettava ogni anno l’arrivo del giorno di  Natale per vedere tutta la sua famiglia riunita. Preparava l’albero, il presepe, la cena, e i regali e poi si sedeva ad aspettare che arrivassero i suoi figli con mogli e nipoti.

I primi ad arrivare furono il figlio più grande, sua moglie e i loro due gemelli di due anni. Come arrivarono finì la pace, i bambini facevano molto chiasso e non bastavano due occhi per starli dietro, si vedeva bene negli occhi stanchi dei loro genitori.

Poi arrivaron il figlio di mezzo, sua moglie e il loro bebè. Era troppo piccolo per creare confusione come i cuginetti,  ma quando era ora della pappa le sue urla erano forti e chiare. Anche il secondo figlio e sua moglie erano provati, il bambino era troppo piccolo, lavoravano entrambi e non ricordavano l’ultima volta che erano usciti una sera.

Quando arrivavano dalla nonna, la sua pace contagiava tutti. Lì sapevano che potevano rilassarsi, togliere le scarpe e mettere dei calzettoni e lasciare che, per qualche ora, ci pensasse a tutto lei.

Quando arrivò il figlio più piccolo, con la sua nuova fidanzata, tutti si girarono a guardarla. I fratelli notarono quanto era bella, le mogli quanto era elegante e, mentre si sedevano a tavola tutti gli occhi erano su di lei. Erano tutti così rilassati che lei sembrava troppo per loro.

Aprirono una bottiglia, versarono il vino, e la nuova fidanzata lo fece cadere sulla bellissima tovaglia rossa delle feste. Guardò la nonna con occhi colpevoli, come chiedendo scusa. Ma lei le disse:

– Non ti preoccupare. Non è niente. È la tovaglia delle feste, perciò è piena di “ricordi”, come questo, di quello che abbiamo mangiato e di quello che abbiamo bevuto. Non dico che dobbiamo maltrattarla e farci dei segni apposta, ma possiamo apprezzarla non ostante i segni dell’età, come, secondo me, dovremmo apprezzare le nostre rughe e i nostri capelli bianchi perchè sono la dimostrazione di quel che abbiamo vissuto e condiviso. Ora questa tovaglia parlerà anche di te.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Questa settimana è uscito l’ultimo libro di Paolo Borzacchiello, scritto a quattro mani con Paolo Stella del affascinante titolo Colleziona attimi di altissimo splendore e io, chiaramente, l’ho preso e letto appena uscito, ancora caldo di stampa e me lo sono goduto splendidamente.

S come sfortuna e sfida

S come sfortuna e sfida

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che abbiamo raccolto insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è sfortuna, sfiga, sventura. È una parola da evitare perchè è una trapola in cui nasconderci quando non vogliamo cambiare.