la tovaglia delle feste

Dicono che c’era una volta una nonna che aspettava ogni anno l’arrivo del giorno di  Natale per vedere tutta la sua famiglia riunita. Preparava l’albero, il presepe, la cena, e i regali e poi si sedeva ad aspettare che arrivassero i suoi figli con mogli e nipoti.

I primi ad arrivare furono il figlio più grande, sua moglie e i loro due gemelli di due anni. Come arrivarono finì la pace, i bambini facevano molto chiasso e non bastavano due occhi per starli dietro, si vedeva bene negli occhi stanchi dei loro genitori.

Poi arrivaron il figlio di mezzo, sua moglie e il loro bebè. Era troppo piccolo per creare confusione come i cuginetti,  ma quando era ora della pappa le sue urla erano forti e chiare. Anche il secondo figlio e sua moglie erano provati, il bambino era troppo piccolo, lavoravano entrambi e non ricordavano l’ultima volta che erano usciti una sera.

Quando arrivavano dalla nonna, la sua pace contagiava tutti. Lì sapevano che potevano rilassarsi, togliere le scarpe e mettere dei calzettoni e lasciare che, per qualche ora, ci pensasse a tutto lei.

Quando arrivò il figlio più piccolo, con la sua nuova fidanzata, tutti si girarono a guardarla. I fratelli notarono quanto era bella, le mogli quanto era elegante e, mentre si sedevano a tavola tutti gli occhi erano su di lei. Erano tutti così rilassati che lei sembrava troppo per loro.

Aprirono una bottiglia, versarono il vino, e la nuova fidanzata lo fece cadere sulla bellissima tovaglia rossa delle feste. Guardò la nonna con occhi colpevoli, come chiedendo scusa. Ma lei le disse:

– Non ti preoccupare. Non è niente. È la tovaglia delle feste, perciò è piena di “ricordi”, come questo, di quello che abbiamo mangiato e di quello che abbiamo bevuto. Non dico che dobbiamo maltrattarla e farci dei segni apposta, ma possiamo apprezzarla non ostante i segni dell’età, come, secondo me, dovremmo apprezzare le nostre rughe e i nostri capelli bianchi perchè sono la dimostrazione di quel che abbiamo vissuto e condiviso. Ora questa tovaglia parlerà anche di te.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.