la strada maledetta

22 Feb 21

Dicono che c’era una volta una piccola capretta curiosa e golosa che si era persa dalla sua mamma e dal suo gregge saltando su e giù nelle collinette vicine alla fattoria in cui abitava. All’inizio ebbe paura ma presto vidde, dall’altro lato di un fiumiciattolo, le altre capre che pascolvano in lontananza e corse da loro.

Corse da loro come corrono le caprette, saltellando in zig zag, su e giù, evitando ostacoli e, passando, spostò alcuni cespugli facendo un piccolo sentiero. Siccome da lassù vedeva tutto, iniziò ad andarci un po’ ogni tanto, dalla fattoria ai pascoli, e così il sentiero diventò sempre più largo.

Il cane della fattoria iniziò a seguirla per riportarla indietro, e così diventò ancora più largo. E poi la inseguirono altre capre e persino le pecore, tutte insieme, facendo diventare quel cammino una mulattiera da cui iniziarono a transitare uomini e persino carri, e costruirono persino un ponte per superare il ruscello.

Ogni persona che lo attraversava si lamentava perchè era difficile e pieno di ostacoli, tanto che finirono per chiamarlo la strada maledetta, ma continuavano a usarlo convinti che fosse la strada migliore, anzi l’unica, che fosse stata scelta da menti brillanti e che fossero stati presi in considerazione tutti gli aspetti possibili.

Per anni nessuno si chiese se ci fosse un’altro modo per raggiungere l’altro lato, fino a quando un ragazzino ribelle che aveva litigato col padre, decise di cercare percorso alternativo e lo trovò poche centinaia di metri più in là, ma non lo disse a nessuno.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.