la strada maledetta

Dicono che c’era una volta una piccola capretta curiosa e golosa che si era persa dalla sua mamma e dal suo gregge saltando su e giù nelle collinette vicine alla fattoria in cui abitava. All’inizio ebbe paura ma presto vidde, dall’altro lato di un fiumiciattolo, le altre capre che pascolvano in lontananza e corse da loro.

Corse da loro come corrono le caprette, saltellando in zig zag, su e giù, evitando ostacoli e, passando, spostò alcuni cespugli facendo un piccolo sentiero. Siccome da lassù vedeva tutto, iniziò ad andarci un po’ ogni tanto, dalla fattoria ai pascoli, e così il sentiero diventò sempre più largo.

Il cane della fattoria iniziò a seguirla per riportarla indietro, e così diventò ancora più largo. E poi la inseguirono altre capre e persino le pecore, tutte insieme, facendo diventare quel cammino una mulattiera da cui iniziarono a transitare uomini e persino carri, e costruirono persino un ponte per superare il ruscello.

Ogni persona che lo attraversava si lamentava perchè era difficile e pieno di ostacoli, tanto che finirono per chiamarlo la strada maledetta, ma continuavano a usarlo convinti che fosse la strada migliore, anzi l’unica, che fosse stata scelta da menti brillanti e che fossero stati presi in considerazione tutti gli aspetti possibili.

Per anni nessuno si chiese se ci fosse un’altro modo per raggiungere l’altro lato, fino a quando un ragazzino ribelle che aveva litigato col padre, decise di cercare percorso alternativo e lo trovò poche centinaia di metri più in là, ma non lo disse a nessuno.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

Pazzo di lei (2021)

Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

lo scemo del villaggio

lo scemo del villaggio

Dicono che c’era una volta un villaggio sperduto in cui l’attrazione turistica principale era lo scemo del villaggio, al quale i turisti e le persone del luogo, erano soliti prendere in giro, per l’ignoranza che sfoggiava del valore delle monete.

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.