la rana bollita

Dicono che c’erano una volta dei ragazzi che, tra una classe e l’altra discuttevano sull’ultimo pericolo di cui parlavano tutti in televisione, nei social media, ma anche nei bar e nei bus, sul ultima minaccia alla nostra società e alla nostra civilizzazione.

Le informazioni erano troppe e non si riusciva a capire nulla di preciso. Quando arrivò l’insegnante gli chiesero cosa pensasse dell’argomento, se fosse d’accordo con quelli che sicevano che avremo dovuto fare tutto il necessario, anche riscrivendo le leggi.

Questa discussione mi ricorda disse il professore con il suo solito sguardo malizioso la storia della rana bollita di Chomsky. Lui la usava per spiegare come l’eccesso d’informazioni può essere ancora peggio della sua mancanza.
     Immaginate una rana che nuota tranquilla in un pentolone pieno d’acqua fredda. Se la mettiamo sul fuoco, l’acqua si riscalda pian piano. Quando diventa tiepida, la rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare. Ma la temperatura sale. Quando l’acqua è calda, un po’ più di quanto la rana possa apprezzare, si sente un po’ stanca un ma non si spaventa. Fino a quando arriva un punto in cui l’acqua è davvero troppo calda. La rana vorrebbe scappare, ma si è indebolita e non ha la forza di reagire, sopporta e non fa nulla, si arrende. Intanto la temperatura sale ancora, e la rana finisce, semplicemente, morta bollita. Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.
     Con l’eccesso d’informazioni allarmiste succede lo stesso, ci fannospaventare così tanto che accettiamo piccoli cambiamenti che, però non risolvono e servono altri. Così fino a quando abbiamo perso delle libertà a cui “direttamente” non avremo mai rinunciato.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Ricominciare da se (2017)

Ricominciare da se (2017)

Visto che nelle ultime settimane abbiamo parlato molto più del solito di autoanalisi e reinvenzione, oggi vorrei tornare a Osho, per parlarvi di Ricominciare da Sé, una guida per un viaggio di conoscenza profonda di noi stessi e delle chiavi della beatitudine.

Focus (2015)

Focus (2015)

E anche oggi voglio parlarvi di un film visto su Netflix, con Will Smith, Focus – Niente è come sembra, di nuovo un film su truffatori per rimanere attenti alle manipolazioni di cui siamo costantemente vittime inconsapevoli.