la rabbia e il fango

Dicono che c’era una volta un bambino che un giorno arrivò a casa dopo la scuola urlando e molto arrabbiato. Quel giorno un compagno, il suo migliore amico, aveva detto una cosa brutta di lui e diceva che non avrebbe mai nè voluto nè potuto perdonarlo.

Arrivò a casa ed entrò sbattendo la porta e rispondendo male a suo fratello e a sua sorella, si chiuse in camera e misse la musica ad un volume così alto che non si poteva parlare nemmeno in salotto.

La madre cercò di parlargli ma non si lasciò avvicinare fino a quando arrivò il padre, qualche ora più tardi. Quando era un po’ più calmo anche se era ancora molto arrabiato, si sedettero a tavola e il padre gli chiese di raccontargli tutto, e dopo che ebbe finito gli disse, sereno e fermo:

– Capisco quanto sei arrabbiato. Ma devi capire che tutta questa rabbia fa più male a te che a lui.

 – Tu e le tue parole, hai sempre una parola per tutto, vero? – disse il ragazzino trasferendo parte della sua rabbia sul padre e sui insegnamenti teorici.

– Ti capisco, quando io avevo la tua età mio padre mi disse la stessa cosa e io risposi quello che hai risposto tu. Ma lui mi porto in cortile, era piovuto da poco e tutto era una pozzanghera, appese una maglietta nei fili per stendere della mia mamma mi chiese di lanciarci contro del fango fino a quando avessi sfogato tutta la mia rabbia.

– E ti sei sfogato? -chiese e il ragazzo, pensando a suo padre e dimenticando per un momento i suoi problemi.

– Ci puoi giurare. Ho buttato tanto di quel fango su quella maglietta che non è mai tornata pulita. Dopo qualche lavaggio abbiamo dovuto buttarla. Comunque, mio padre mi portò dentro, in bagno, mi misse davanti allo specchio e mi chiese: Vedi il prezzo della rabbia? Per sporcare la maglietta, vedi come ti sei ridotto? Ed era vero, avevo del fango persino in bocca, e anche i vestiti che avevo addosso furono difficili da lavare. Da allora non mi arrabbio più. Non vale la pena.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.