la rabbia e il fango

11 Oct 21

Dicono che c’era una volta un bambino che un giorno arrivò a casa dopo la scuola urlando e molto arrabbiato. Quel giorno un compagno, il suo migliore amico, aveva detto una cosa brutta di lui e diceva che non avrebbe mai nè voluto nè potuto perdonarlo.

Arrivò a casa ed entrò sbattendo la porta e rispondendo male a suo fratello e a sua sorella, si chiuse in camera e misse la musica ad un volume così alto che non si poteva parlare nemmeno in salotto.

La madre cercò di parlargli ma non si lasciò avvicinare fino a quando arrivò il padre, qualche ora più tardi. Quando era un po’ più calmo anche se era ancora molto arrabiato, si sedettero a tavola e il padre gli chiese di raccontargli tutto, e dopo che ebbe finito gli disse, sereno e fermo:

– Capisco quanto sei arrabbiato. Ma devi capire che tutta questa rabbia fa più male a te che a lui.

 – Tu e le tue parole, hai sempre una parola per tutto, vero? – disse il ragazzino trasferendo parte della sua rabbia sul padre e sui insegnamenti teorici.

– Ti capisco, quando io avevo la tua età mio padre mi disse la stessa cosa e io risposi quello che hai risposto tu. Ma lui mi porto in cortile, era piovuto da poco e tutto era una pozzanghera, appese una maglietta nei fili per stendere della mia mamma mi chiese di lanciarci contro del fango fino a quando avessi sfogato tutta la mia rabbia.

– E ti sei sfogato? -chiese e il ragazzo, pensando a suo padre e dimenticando per un momento i suoi problemi.

– Ci puoi giurare. Ho buttato tanto di quel fango su quella maglietta che non è mai tornata pulita. Dopo qualche lavaggio abbiamo dovuto buttarla. Comunque, mio padre mi portò dentro, in bagno, mi misse davanti allo specchio e mi chiese: Vedi il prezzo della rabbia? Per sporcare la maglietta, vedi come ti sei ridotto? Ed era vero, avevo del fango persino in bocca, e anche i vestiti che avevo addosso furono difficili da lavare. Da allora non mi arrabbio più. Non vale la pena.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.