l’universo in tasca

18 Oct 21

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. Si diceva che i suoi uomini lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.

 Raccontano che un giorno, quando si disponeva ad affrontare con solo pochi uomini fidati, un esercito nemico molto più forte… notò che alcuni dei suoi soldati erano dubbiosi sull’esito positivo della battaglia. Dicono che si fermò durante la marcia davanti a un tempio scintoista e che, dopo averlo visitato in rigoroso silenzio, quando uscì disse solennemente ai suoi uomini:

– Venite tutti e ascoltatemi attentamente. – disse con una voce che sembrava avere qualcosa di soprannaturale – Sapete che il nemico è più numeroso e più forte, potrebbe sembrare che abbiamo già perso, ma sapete che non vi chiederei mai di andare in battaglia se non possiamo vincere. Ora lancerò una moneta e se esce testa, andremo in battaglia e vinceremo, se esce croce, non andremo perchè sapremo che perderemmo. Ci mettiamo nelle mani del destino!

Poi pregò in silenzio, e tutti i suoi uomini pregarono con lui. Dopo un po’ gettò la moneta che cadde fragorosamente sul pavimento.

– Testa! Vinceremo! – disse, e tutti sentirono subito più forti, come se fossero posseduti da uno spirito più potente di quello del nemico.

I suoi soldati fiduciosi si lanciarono in battaglia e vinsero senza difficoltà. Anche se gli altri erano di più, più forti e avevano delle armi più potenti, loro avevano il favore del destino, loro sapevano che avrebbero vinto.

– Nessuno può cambiare il destino! – disse uno dei soldati più anziani, ferito e dolente ma molto sicuro di sè. – Siamo fortunati di seguire un condottiero che ha modo di sapere cosa succederà prima che accadda.

– Hai ragione! – rispose il grande guerriero, –  e noi vinciamo sempre perchè io ho il destino in tasca, – aggiunse guardando la sua moneta preferita, quella con la testa su entrambe le facce.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.