la pizza e il diluvio

21 Mar 22

Dicono che c’era una volta un ragazzo che, per aiutare un po’ incasa non chiedendo soldi aiu suoi, si era messo a lavorare come fattorino in bici. Era un lavoro facile, poteva farlo nel suo tempo libero, doveva solo pedalare e adorava la bici perciò era molto felice.

Normalmente pedavalva felice, spensierato, immaginando cosa avrebbe fatto con i soldini guadagnati, attento al traffico e ai passanti, curioso e sereno. Tranne quando pioveva, aveva sempre paura di cadere, di arrivare in ritardo, di creare problemi ai clienti o al suo capo.

Una sera che diluviava, arrivò con una pizza in una casetta appena fuori città, tirando fuori il cartone e rendendosi conto di come era messo, guardò il cliente con la testa bassa, dispiaciuto perché nonostante il suo zaino (quelli a forma di cubo) pioveva troppo e un po’ d’acqua era entrata comunque. Si aspettava un rimprovero e un feedback negativo sull’app, ma si stupì quando l’uomo gli disse sorridendo:

– Grazie – disse – Mi hai appena ricordato una scena di molti anni fa, dove il porta pizze ero io. Con il mio cinquantino avevo attraversato mezza città, diluviava, arrivato a destinazione dovette fare 7 piani di scale senza ascensore, portando 8 pizze (una sopra all’altra). Arrivato in cima, la proprietaria di casa mi disse che pagava con i buoni pasto, senza darmi un centesimo di mancia, ed incazzandosi con me per il ritardo e le pizze bagnate.

Il ragazzo non capiva bene ma guardava curioso il tipo che continuò.

– Grazie, grazie, grazie – disse – grazie della pizza, grazie della corsa che hai fatto sotto la pioggia e che non ho dovuto fare io, ma soprattutto grazie di quest’opportunità di chiudere un cerchio facendo il bene dove mi fu fatto del male. – aggiunse dandogli una mancia di cinque euro, molto più di quanto avesse mai preso.

– Non ti preoccupare, a volte capitano cose sul lavoro sulle quali non possiamo davvero farci nulla, ma il solo fatto che tu sia arrivato in orario e che tu sia dispiaciuto per me è motivo di premio. E la pizza – disse aprendo la scatola, sembra buona e non è per niente rovinata.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.