la pecora nera

Dicono che c’era una volta un uomo che era diventato, per la sua saggezza, un punto di riferimento della sua piccola comunità, anche se formalmente non occupava nessun posto di rilievo, era ammirato e amato da tutti. Un giorno bussò alla sua porta un uomo triste e arrabbiato perchè tutti gli dicevano che era una pecora nera.

Lo accolse con il suo solito sorriso, gli chiese di sedersi comodo nel suo divano e gli offrì qualcosa di caldo da bere per rilassarsi un po’. Poi lo lasciò parlare:

– Non so più cosa fare, sono anni che cerco di seguire i consigli della mia famiglia, ma non riesco, non sono mai abbastanza bravo, non raggiungo le loro aspettative. Non importa quanto io mi sia impegnato, non sono come loro. Non ho le stesse priorità e interessi, loro non mi capiscono e nemmeno io riesco a capirli. Dicono che sono la pecora nera della famiglia e questo mi ferisce.

L’uomo lo guardò con comprensione e gli disse:
    – Benvenuto nel club.
    – Come? Anche lei è stata una pecora nera?

L’uomo annui, sospirò e poi continuò:

– Sai perchè si chiamano pecore nere? Perchè le pecore nere sono meno utili al pastore, la loro lana e più difficile da tingere e questo è un problema. Nelle famiglie è lo stesso, la pecora nera non è utile a chi la famiglia la vuole governare e sfruttare con le proprie regole.

– Vuoi sapere una cosa che non tutti sanno sulle pecore nere? Da un punto di vista superficiale, sembra che le pecore nere siano fuori dalla famiglia, ma in realtà, sono una parte importante, sono le incaricate di farla evolvere, crescere, migliorare, di liberarsi… Le regole delle famiglie devono cambiare per poter adattarsi al mondo che cambia. Con il loro spirito ribelle, le pecore nere possono vedere, e dimostrare agli altri, che il mondo è cambiato e che possono cambiare anche loro.

– Allora, non devo cercare di sembrare uno di loro?

– No, no, l’unica cosa che faresti nascondendoti e rendere la vita più difficile alla prossima pecora nera. Se hai dei desideri sinceri che vanno contro le regole della famiglia vuol dire che tanti prima di te li hanno avuti e nascosti. E così nulla è cambiato. La famiglia è rimasta ferma, in un mondo che continua a cambiare, e questo provoca sempre più sofferenza, fino a quando qualcuno decide di liberarsi e liberare tutta la famiglia.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.