La pazza gioia (2016)

Un’altro film che ora si può vedere su Netflix è La pazza goia , con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti. Una bellissima storia sull’ingenuità, l’amicizia, l’amore, la pazzia, la la disperazione e speranza.

Racconta la storia di due donne, entrambe pazienti in un centro di recupero per donne affette da problemi mentali, Villa Biondi, che fanno amicizia e approfittano di un bus di linea che passa vicino a loro per fuggire insieme dal centro e fare le cose più normali, andare al centro commerciale, a ballare, ecc.

Due donne completamente diverse come storia, come personalità e come atteggiamento verso la vita, finiscono per trovare nel loro essere incomprese e nella convinzione di non importare a nessuno, la forza per aiutarsi tra di loro e, tra momenti di lucidità e altri di sfrenata follia si raccontano e ci raccontano.

Un film sulla follia, quella consentita e quella diagnosticata, quella considerata pericolosa e imperdonabile, quella che può portare alla perdita della libertà. Senza fermarsi un momento a pensare alle cause, al dolore, alla disperazione che possono  diventare forza, persino per fare qualcosa di terribile.

Perchè, a volte, la follia diagnosticata è il modo migliore per non preoccuparci del problema, per non dover guardare in faccia e allo specchio gli atteggiamenti e i fatti che hanno portato a quella follia.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.