Le parole del maestro

Dicono che c’era una volta una mamma con un bambino che non andava bene a scuola. Un giorno il bambino arrivò a casa con una busta del professore e disse “il maestro mi ha dato questa nota per te”

La mamma iniziò a leggere con gli occhi pieni di lacrime: “Suo figlio è un genio, questa scoela è troppo piccola per lui, i nostri metodi sono antiquati e non possiamo aiutare un bambino così diverso perchè devono dedicarsi a tutto il gruppo. Per favore, ci pensi lei stessa della sua formazione”.

E così la madre decise di occuparsi della sua formazione. Era molto irrequieto e si distraeva in continuazione, ma lei fu più forte e riuscì a personalizzare la sua formazione e ad insegnargli a non arrendersi mai.

Il bambino diventò un ragazzo e poi un uomo molto intraprendente, si chiamava Thomas Alva Edison e diventò uno dei più grandi inventori del suo secolo.

Quando la mamma morì, lui tornò nella casa in cui era cresciuto per mettere a posto alcuni documenti e ritrovò la vecchia lettera e ricordò quel giorno, sorrise pensando a quel maestro che aveva visto la sua potenzialità e cambiato la vita.

La sua sorpresa fu tremenda quando capì che la mamma gli aveva mentito tutti quei anni. La lettera diceva ” Suo figlio è malato di mente e non possiamo permettergli di tornare a scuola, per il bene degli altri ragazzi”.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.