la gente non cambia

Ci sono persone che pensano che la gente cambia e poi ci sono  quelli che pensano che la gente non cambia, seguendo il mio adorato maestro Ái, io credo che hanno ragione entrambi. A volte la gente cambia, altre no. Ma quel che è sicuro è che nessuno può cambiare un’altro.

 Normalmente, sia l’una che l’altra, sono frasi che si dicono per lamentarsi di qualcuno che è cambiato o che non l’ha fatto. Riferite ad un aspetto concreto. In questo caso, spesso, il cambiamento è negativo. La gente cambia, come cambia tutto, crescendo, vivendo, con le esperienze che vive. A a volte può peggiorare, altre può migliorare e altre volte semplicemente diventa sempre più come era prima.

La gente è il risultato del loro passato ma, un tempo, quello che oggi è passato era il loro presente. Molti vanno avanti reagendo sempre nello steso modo alle situazion che ci presenta la vita come parte della nostra vacanza studio. Altri, visto che le situazioni continuano a ripetersi, cambiano di colpo e completamente e fanno l’opposto, a volte anche senza pensare bene alle conseguenze, perchè hanno capito che il modo in cui facevano non funziona. Con questo inizia la loro emancipazione emotiva, ma ancora rimane molto lavoro da fare.

Quando si capisce che negli estremi non ci sono mai le soluzioni, e si diventa consapevoli si può cambiare veramente. Può essere per decisione o per bisogno. Ma, sicuramente, in ogni caso, è qualcosa che possiamo scegliere. Ognuno di noi può scegliere di cambiare nel momento in cui non è felice ma non ha senso aspettare che cambi un’altro per le ragioni o nel momento in cui lo consideriamo giusto noi. Come non ha senso che altri pretendano che noi facciamo dei cambiamenti quando e perchè loro credono sarebbe meglio.

 La scelta è sempre parte del percorso di ognuno e va fatta in funzione di esso. Se dobbiamo avere a che fare con qualcuno che fa le cose in un modo che non ci piace, possiamo fargli vedere come ci piacerebbe che facesse. Poi lui o lei può scegliere se accettare o meno e noi possiamo scegliere quanto avere a che fare con quella persona.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.