la fidanzata di nonna (2019)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, di nuovo spagnolo, La fidanzata di mia nonna, l’ultimo lavoro di una delle mie attrici Rosa Maria Sardà,  che, insieme ad un’altra delle mie attrici Verónica Forqué, parla di libertà, di amore e di famiglie.

Racconta la storia di due donne settantenni che decidono di dire a tutti che non sono solo amiche, che si amano e che vogliono sposarsi. La notiizia manderà in tilt la nipote di una di loro, il figlio dell’altra e il prete del paesino delle Canarie in cui abitano, che all’inizio, cercano in tutti i modi di convincerle a rinunciare all’idea.

Un film che parla di libertà, di genuinità, di ipocrisie e di maschere, con diverse storie di amore e di paure, di giudizi, di credenze e di tradizioni limitanti in una società pronta a farne a meno.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio veramente tanto, se l’avete visto, ditemi cosa vi ha fatto pensare.

p.s. non ho trovato il trailer in italiano, vi lascio quello in versione originale.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.