la felicità del meno

29 Apr 22

Questa settimana voglio parlarvi del libro La felicità del meno. Le dieci regole dei monaci per vivere meglio, di Mariachiara Giorda, un bellissimo studio comparato delle regole dei monaci di diverse religioni per scoprire cosa hanno in comune e cosa possiamo imparare da loro.

In un mondo in cui sembrano regnare Caos, stress, obiettivi, e fretta, in cui la vita è una corsa continua tra lavoro e famiglia, all’inseguimento della realizzazione, in cui c’è sempre un passo più in là, qualcos’altro da fare prima di fermarci, le autrici propongono un modo per sfuggire a tutto questo, il modo monastico, per vivere nella semplicità senza affanni e senza cercare ossessivamente un appagamento irragiungibile.

Il monachesimo è lo stile di vita di chi cerca di vivere la propria esistenza come una vera e propria opera d’arte, seguendo regole antichissime, coltivando, per esempio, il silenzio, spegnendo radio, televisione e cellulari e concentrandosi per un’ora al giorno su quello che succede intorno e dentro di noi possiamo riconnetterci con noi stessi.

Oppure, il riposo, che scandito in modo più naturale, rende molto di più, e serve possiamo dormire molto meno se dormiamo meglio, se diamo al sonno l’importanza che merita e diamo retta alla nostra natura biologica e non solo alla nostra cultura.

O anche la bellezza, che è innanzitutto pulizia: abbiamo visto molti libri su come liberarsi del superfluo che ingombra le nostre giornate e prendere coscienza che l’ordine – dello spazio, dei gesti, della persona – ci aiuta anche con l’ordine mentale.

Ma anchela condivisione, perchè la selezione naturale e l’evoluzione della nostra specie spesso si è basata sulla condivisione che rende il gruppo più forte e perciò ingrado di fare di più di quanto fanno i singoli individui, di osare di piiù, di crescere…

 E la concentrazione, perchè con la scoperta della possibilità di fare più cose insieme abbiamo perso il piacere di fare bene le cose che facciamo; ma anche la capacità di aspettare in maniera attiva, facendo le cose giuste, in maniera strategica e tattica, per ottenere quel che vogliamo per il futuro.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.