la dignità

Dicono che molti anni fa, un anziano professore, già in pensione, mentre passeggiava nel parco vicino a casa sua, incontrò un giovane che gli chiese se si ricordasse di lui. Il vecchio non si ricordava ma il giovane gli spiegò che era stato un suo allievo tanti anni prima.

 Gli disse che era diventato anche lui insegnante e che l’aveva fatto ispirato da qualcosa che aveva fatto lui molti anni prima.

– Un giorno, un mio amico, anch’egli studente, arrivò a scuola con un bellissimo orologio nuovo e io lo rubai. Quando il mio amico notò il furto e si lamentò con il nostro insegnante, che era lei, lei ci disse:  Allora, lei ha detto alla classe: « L’orologio del vostro compagno è stato rubato durante la lezione di oggi. Chi l’ha rubato, per favore, lo restituisca.» Io non lo restituì perché non volevo farlo. Poi lei chiuse la porta e disse a tutti di alzarci in piedi perché avrebbe controllato le nostre tasche una per una. Ma, prima, ci ha detto di chiudere gli occhi. Mentre cercava ha detto che non voleva capire chi era stato, che chiunque può sbagliare, che non c’era nessun ladro ma solo un orologio sparito. Ha cercato tasca per tasca e, quando è arrivato da me e ha trovato l’orologio, l’ha preso. Ma ha continuato a cercare nelle tasche di tutti e, quando ha finito, ha detto: «Aprite gli occhi. Ho trovato l’orologio.»
Non mi ha mai detto niente e non ha mai menzionato l’episodio. Non ha mai fatto il nome di chi era stato quello che aveva rubato. Quel giorno, lei ha salvato la mia dignità per sempre. Anche se non mi ha mai sgridato né mi ha chiamato per darmi una lezione morale, ho ricevuto il messaggio chiaramente. E, grazie a lei ho capito che questo è quello che deve fare un vero educatore, mi sono messo a studiare e mi sono proposto di diventare come lei. Si ricorda di questo episodio, professore?

– È vero, mi ricordo… –  rispose il professore – l’orologio rubato, ricordo le mie parole e di aver cercato nelle tasche di tutti ma devo confessarti una cosa, non sapevo che eri stato tu perché anche io ho chiuso gli occhi mentre cercavo.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Amati (2020)

Amati (2020)

Oggi vorrei parlare di un libro legato all’argomento dei film di cui ho parlato durante questo mese, i rapporti fra uomini e donne. Si tratta del nuovissimo Amati: Piccola Guida Femminile per una Grande Autostima, di Marianna Cimmino.

Think like a man (2012)

Think like a man (2012)

Per finire l’argomento sulle differenze tra uomini e donne, oggi vi parlerò di un’altro film che ho visto su Netflix, Think like a man, che prende titolo da un libro, scritto da un uomo, per le donne, in cui descrive una serie di tipologie di uomini, e le strategie utili per poter conquistarli…

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.