La befana vien di notte (2018)

Per questa settimana voglio parlarvi del film dell’anno scorso che mi sono guardata il giorno dell’epifania, La Befana vien di notte, con la meravigliosa Paola Cortellesi, che racconta la storia della befana come non l’avete mai vista o sentita

Una donna che di giorno è una giovane maestra a scuola e di sera diventa la befana, proprio come la conosciamo, vecchia strega con la passione per i bambini e le loro letterine e un po’ gelosa dal suo competitore vestito di rosso o, come lo chiama lei, quel maschilista di Babbo Natale.

Una befana molto umana (e fissata con la grammatica e l’uso corretto dell’italiano) e una banda di ragazzini pronti a tutto per salvare la loro maestra, quando viene rapita, che finiscono in un’avventura alla goonies, o alla stand by me.

Le critiche che ho letto su internet erano terribili, e ammetto che la recitazione, soprattutto dei ragazzini, non ha aiutato a rendere credibile il tutto, e che gli effetti speciali erano pittosto scarsi, ma a me è piaciuto e ho trovato tanti spunti di riflessione perchè tocca tanti argomenti a me cari.

Dalle maschere che mettiamo per non fare vedere le nostre unicità alla facilità con cui diamo la colpa agli altri o ce la prendiamo con loro per i nostri problemi. Al bullismo, e le altre problematiche dei ragazzini, dei primi amori, le prime amicizie, l’importanza del gruppo e dell’opinione degli altri… edelle loro aspettative.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

nove per dieci, novantuno

nove per dieci, novantuno

Dicono che c’era una volta un professore di matematica adorato dai suoi ragazzi perchè parlava la loro lingua e sembrava capire i loro problemi come pochi adulti potevano fare. Un giorno che la classe era particolarmente agitata, entrò e, senza parlare iniziò a scrivere alla lavagna.

Pazzo di lei (2021)

Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

permesso

permesso

Martedì al nostro prossimo incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo le cose che non riusciamo a fare, che non possiamo fare, e quelle che abbiamo persino smesso di volere. E parleremo delle diverse ragioni per cui questo è così.

lo scemo del villaggio

lo scemo del villaggio

Dicono che c’era una volta un villaggio sperduto in cui l’attrazione turistica principale era lo scemo del villaggio, al quale i turisti e le persone del luogo, erano soliti prendere in giro, per l’ignoranza che sfoggiava del valore delle monete.