Jexi (2019)

Eanche oggi una commedia di quelle che adoro, questa volta americana, Jexi, con Adam Devine e Alexandra Shipp, anche questo su amazon prime. Un ragazzo, già esageratamente dipendente dal suo cellulare, si trova ad interfacciarsi con un nuovo sistema operativo chiamato Jexi.

Il film racconta la storia di Phil, bambino cresciuto a giocare con i cellulari ancora prima che fossero smartphone, completamente attaccato e dipendente. Fino a quando il cellulare muore e deve cambiarlo, e quello nuovo a un asistente particolare Jexi,decisa a cambiargli la vita, un po’ come in Yes man.

Come era d’aspettare, quando il cellulare lo obbliga a uscire dalla sua vita senza interazioni umane tutto migliora, anche se ci sarà una svolta e non tutto anndrà sempre liscio, ma oggi non voglio fare spoiler. Vi dico solo che ho amato ogni fotogramma fino alla fine.

p.s. non ho trovato un trailer in italiano, vi lascio quello inglese. 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.