Io Sono Ok, Tu Sei Ok (1967)

Oggi mi sono accorta che non vi avevo ancora parlato di uno dei libri base della mia formazione psicologica, Io Sono Ok, Tu Sei Ok, di Thomas A. Harris, uno dei classici che ha venduto oltre quindici milioni di copie nel mondo ed è stato tradotto in più di venti lingue.

Uno dei primi libri che parlavano dell’analisi transazionale come alternativa alla psicoanalisi e che spiegava come le transazioni (le relazioni, le conversazioni) condizionano la nostra vita. Spiega dettagfliatamente i tre aspetti base della personalità secondo questa scuola (bambino, adulto e genitore) e il triangoli del gioco vittima-carnefice-salvatore. Concetti che, una volta compresi a fondo possono liberarci da molte catene.

Il titolo rappresenta una di quattro posizioni che possono prendere in ogni relazione, in ogni momento, la più sana ed efficente anche se non per tutti quella che usiamo di più:

  • IO sono OK, TU sei OK –  è la posizione neutrale e positiva in cui tutto è possibile, i problemi si rissolvono e a volte ho bisogno di te altre tu di me, ma serenamente;
  • IO sono OK, TU NON sei OK è la posizione in cui io mi sento superiore, tu sei inferiore e ti meriti il mio disprezzo, a volte persino una punizione, o il mio magnanimo aiuto;
  • IO NON sono OK, TU sei OK – è la posizione dello sfigato, della vittima, di quello che “gli altri capiscono meglio, meno male che ci sei tu, possono essere vittimisti e molto pesanti;
  • IO NON sono OK, TU NON sei OK – è la posizione più deleteria,  nulla è ok, non solo io non posso farci nulla, ma nessuno in generale può fare nulla, non vale la pena nemmeno provarci.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.