Inventarsi la vita (1997)

Oggi parliamo di nuovo di un libro di Wayne W Dyer, sulla manifestazione, sul nostro potere di manifestare, di creare la vita che vogliamo, di entrare in contatto e sfruttare di più la nostra parte divina o spirituale. Il libro si chiama Inventarsi la vita, ed è un programma passo per passo per diventare uno con la forza creativa che tutti abbiamo, per manifestare la propria spiritualità nove semplici principi…

 

  1. Diventare consapevoli del Sé Superiore, il primo passo è la consapevolezza, e l’identificazione di quella parte che tutti abbiamo.
  2. Fidarsi di sé stessi vuol dire confidare nella saggezza che ci ha creato, il secondo è fidarsi di se stessi, delle nostre intuizioni e delle nostre preferenze, ascoltare il nostro cuore anche quando tutti dicono che non è logico.
  3. Non siamo organismi in un ambiente: siamo “organismi-ambiente”, il terzo è comprendere che la nostra interazione con il mondo è a doppio senso, le nostre emozioni dipendono da quello che succede ma quello che succede dipende da come agiamo in base alle nostre emozioni.
  4. Possiamo attrarre a noi ciò che desideriamo, il quarto è capire che esiste la possibilità di attrarre le cose che desideriamo, anche se non è logico, anche se non è razionale.
  5. Sentirsi degni di ricevere, il quinto è compensare tutta questa razionalità, tutto quello che ci è stato insegnato, ascoltando il nostro cuore e quello che sapevamo prima di disimpararlo.
  6. Unirsi alla fonte divina con amore incondizionato, il sesto è comprendere che, per ottenere le cose che desideriamo dobbiamo entrare in sintonia con il genio della lampada, e lui non fa differenze perciò esaudisce solo i desideri di chi ama incondizionalmente come lui.
  7. Meditare al suono della creazione, il settimo è imparare il linguaggio del silenzio, che serve per connettersi con il cuore, per dimenticare tutte le parole che possono distrarci dal nostro vero io.
  8. Un paziente distacco dal risultato, l’ottavo è desiderare e poi… aspettare senza contarci, tornando alla fiducia e alla serenità, indipendentemente del tempo che serva per ottenere quello che abbiamo desiderato.
  9. Reagire alle manifestazioni della spiritualità con gratitudine e generosità, il nono è allenare la nostra gratitudine e generosità, che sono due delle emozioni che dimostrano l’amore incondizionato, la mancanza di paura e la fiducia…

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.

il discepolo attaccabrighe

il discepolo attaccabrighe

Dicono che c’era una volta un giovane che salpò una sera dal porto con una piccola barca a vela per navigare per un paio d’ore, la barca era di suo zio e non sapeva navigare bene ma non pensava di allontanarsi molto dalla riva. Ma all’improvviso lo sorprese una forte tormenta che lo portò al largo senza alcun controllo.