Inkheart (2008)

10 Oct 19

Questa settimana voglio parlarvi di un film particolare, una di quelle fiabe che rappresenta una metafora sul potere delle parole: Inkheart – La leggenda di Cuore d’inchiostro, con  Brendan Fraser.

Il protagonista è un uomo che ha un potere unico, può interagire con i libri facendo uscire ed entrare le persone e i personaggi. Ma, lo scopre nel peggiore dei modi, quando racconta una fiaba a moglie e figlia, appaiono i cattivi nel suo soggiorno e sparisce sua moglie.

Da quel momento non legge più, per paura di fare danni ma continua a cercare ossessivamente una copia del libro per provare a farlo di nuovo. Fino a quando i personaggi lo trovano per sfruttare di nuovo i suoi poteri.

Si svolge in un mondo in cui si mischiano persone “realistiche”, contemporeanee e umane con personaggi inventati, fantastici, che sono usciti dalla penna di un autore, che, anche lui è nel film.

La cosa più bella è che possiamo vedere le sommiglianze fra i personaggi reali e quelli fantastici. Le paure, le possibilità, il destino, il concetto di Dio come autore della nostra storia e il libero arbitrio. E, sopra ogni cosa, l’amore che ci da il coraggio per fare miracoli.

Tutti i personaggi sono meravigliosi, dalla zia che considera i libri una realtà e dice di “essere stata” in tutti i posti in cui si svolgono i libri che ha letto, all’altro lettore balbuziente che fa vivere i personaggi ma non correttamente, con una scritta in faccia e quanche diffetto fisico… fino allo scrittore così meravigliato da questo potere che non riesce a reagire quando si presentano i cattivi. 

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.