Inkheart (2008)

Questa settimana voglio parlarvi di un film particolare, una di quelle fiabe che rappresenta una metafora sul potere delle parole: Inkheart – La leggenda di Cuore d’inchiostro, con  Brendan Fraser.

Il protagonista è un uomo che ha un potere unico, può interagire con i libri facendo uscire ed entrare le persone e i personaggi. Ma, lo scopre nel peggiore dei modi, quando racconta una fiaba a moglie e figlia, appaiono i cattivi nel suo soggiorno e sparisce sua moglie.

Da quel momento non legge più, per paura di fare danni ma continua a cercare ossessivamente una copia del libro per provare a farlo di nuovo. Fino a quando i personaggi lo trovano per sfruttare di nuovo i suoi poteri.

Si svolge in un mondo in cui si mischiano persone “realistiche”, contemporeanee e umane con personaggi inventati, fantastici, che sono usciti dalla penna di un autore, che, anche lui è nel film.

La cosa più bella è che possiamo vedere le sommiglianze fra i personaggi reali e quelli fantastici. Le paure, le possibilità, il destino, il concetto di Dio come autore della nostra storia e il libero arbitrio. E, sopra ogni cosa, l’amore che ci da il coraggio per fare miracoli.

Tutti i personaggi sono meravigliosi, dalla zia che considera i libri una realtà e dice di “essere stata” in tutti i posti in cui si svolgono i libri che ha letto, all’altro lettore balbuziente che fa vivere i personaggi ma non correttamente, con una scritta in faccia e quanche diffetto fisico… fino allo scrittore così meravigliato da questo potere che non riesce a reagire quando si presentano i cattivi. 

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Pazzo di lei (2021)

Pazzo di lei (2021)

Anche qesta settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film, questa volta spagnolo, Pazzo per lei, un film molto profondo e allo stesso tempo leggero, che fa commuovere e allo stesso tempo pensare, sull’amore, sulle difficoltà, sulle aspettative e sulla normalità.

lo scemo del villaggio

lo scemo del villaggio

Dicono che c’era una volta un villaggio sperduto in cui l’attrazione turistica principale era lo scemo del villaggio, al quale i turisti e le persone del luogo, erano soliti prendere in giro, per l’ignoranza che sfoggiava del valore delle monete.

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Questa settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film italiano, Momenti di trascurabile felicità, diretto da Daniele Luchetti, con Pif e Thony, basato sull’omonimo libro di Francesco Piccolo sulla vita e la morte, sulle scelte che facciamo quando pensiamo di vivere per sempre.