ingredienti

L‘altro giorno, in una sessione di coaching, parlando di una delle nostre frasi mantra, “non puoi cambiare le persone, ma puoi cambiare persone” siamo arrivate ad una metafora interessante, possiamo pensare alle persone come ingredienti e alle relazioni come delle ricette.

Parlavamo del fatto che, nelle nostre relazioni, spesso abbiamo delle aspettative sugli altri che rimangono insoddisfatte permanentemente, e ci ostiniamo a dare delle colpe, a loro o a noi stessi perchè le cose non stanno come dovrebbero.

Con la consapevolezza possiamo comprendere che le persone sono come sono e che non sempre possono scegliere di fare quello che noi crediamo che dovrebbero fare, a volte perchè non sono d’accordo su quello che devono fare, altre perchè non riescono proprio. Come il sale non può addolcire o lo zucchero non può salare.

Il bello di questa metafora è che, se pensiamo ad alcuni ingredienti, le spezie per esempio, possono cambiare completamente il gusto di una pietanza, per la loro interazione, esaltando o attenuandolo. Lo stesso vale per le persone. Alcune esaltano alcune nostre caratteristiche e attenuano altre. Se ci rendiamo consapevoli possiamo usare questi effetti perconoscere meglio noi stessi, i nostri punti forti e deboli, e per scegliere meglio le persone con cui relazionarci e cosa aspettiarci da loro.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a vederci come cuochi, e come ingredienti allo stesso tempo, a capire che le persone sono come sono, che spesso aggiscono come aggiscono perchè hanno bisogno di farlo, che, quando chiediamo a qualcuno di smettere di fare qualcosa che ci fa stare male, e non lo fa, non sempre è perchè non vuole, e in quei casi il nostro potere è quello di usare quelle persone solo per le ricette per cui sono adatte. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.