ingredienti

L‘altro giorno, in una sessione di coaching, parlando di una delle nostre frasi mantra, “non puoi cambiare le persone, ma puoi cambiare persone” siamo arrivate ad una metafora interessante, possiamo pensare alle persone come ingredienti e alle relazioni come delle ricette.

Parlavamo del fatto che, nelle nostre relazioni, spesso abbiamo delle aspettative sugli altri che rimangono insoddisfatte permanentemente, e ci ostiniamo a dare delle colpe, a loro o a noi stessi perchè le cose non stanno come dovrebbero.

Con la consapevolezza possiamo comprendere che le persone sono come sono e che non sempre possono scegliere di fare quello che noi crediamo che dovrebbero fare, a volte perchè non sono d’accordo su quello che devono fare, altre perchè non riescono proprio. Come il sale non può addolcire o lo zucchero non può salare.

Il bello di questa metafora è che, se pensiamo ad alcuni ingredienti, le spezie per esempio, possono cambiare completamente il gusto di una pietanza, per la loro interazione, esaltando o attenuandolo. Lo stesso vale per le persone. Alcune esaltano alcune nostre caratteristiche e attenuano altre. Se ci rendiamo consapevoli possiamo usare questi effetti perconoscere meglio noi stessi, i nostri punti forti e deboli, e per scegliere meglio le persone con cui relazionarci e cosa aspettiarci da loro.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a vederci come cuochi, e come ingredienti allo stesso tempo, a capire che le persone sono come sono, che spesso aggiscono come aggiscono perchè hanno bisogno di farlo, che, quando chiediamo a qualcuno di smettere di fare qualcosa che ci fa stare male, e non lo fa, non sempre è perchè non vuole, e in quei casi il nostro potere è quello di usare quelle persone solo per le ricette per cui sono adatte. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Un amico straordinario (2019)

Un amico straordinario (2019)

La settimana scorsa, mentre cercavo il trailer di Big ho trovato questo film di Tom Hanks che mi era sfuggito quando era uscito: Un amico straordinario, un film che racconta una storia vera, la storia di Fred Rogers, personaggio televisivo amato dai bambini negli Stati Uniti.

cavalcare la tigre

cavalcare la tigre

La settimana scorsa abbiamo parlato della terapia narrativa come un modo di viaggiare nel tempo ma, forse sarebbe più accurato ancora parlare di questi esercizi come di viaggi nella nostra immaginazione.

i nostri maestri

i nostri maestri

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.