imparare dal coronavirus

Qualque giorno fa, su facebook, un carissimo amico ha lanciato una domanda su cosa abbiamo imparato dal coronavirus. La domanda era aperta a tutti, ma mi ha detto che aveva un interesse particolarte per la mia opinione, perciò ci ho pensato un po’ e questa è la mia risposta.

In realtà, più che di cose che abbiamo imparato personalmente preferisco parlare di cose che potremmo imparare, come singoli individui, volendo, perchè non credo sarà automatico e non credo sarà lo stesso per tutti.

Per esempio, potremmo imparare molto sulle priorità, le nostre e quelle delle persone che conosciamo. Sicuramente abbiamo tempo per pensare se le nostre azioni riflettono le nostre priorità o c’è un divario fra quel che pensiamo e quel che facciamo. E per pensare se vogliamo cambiare questo o come farlo.

Potremmo anche imparare molto sui punti deboli, nostri, delle persone che conosciamo, delle istituzioni a cui deleghiamo molte cose. Questa crisi sta mettendo sotto pressione tutti e chi più, chi meno sta tirando fuori in alcuni momenti il suo peggio, ognuno come risposta a quello che gli fa male, tutti se la prendono con i runners, con chi ha il cane o con chi non ha la mascherina, ma non tutti per lo stesso motivo, alcuni per paura, altri per invidia. Potremo capire qual è il problema e lavorarci.

Potremmo anche imparare molto sui veri bisogni, su tutte le cose che non abbiamo nemmeno cercato di fare in questo momento di privazioni, potremmo aprofittare per fare pulizie e smettere di fare tutte le cose inutili che facevamo prima. 

Potremmo anche imparare molto (e qui mi fermo per questione di spazio) sulla gratitudine, potremo imparare ad essere grati per quel che avevamo e abbiamo perso, per quel che abbiamo ancora e per quel che riavremo.

Infatti, il mio invito è proprio a lavorare su questo, se imparassimo ad essere più grati e meno giudicanti, tutto sarebbe valso la pena. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.