imparare dal coronavirus

Qualque giorno fa, su facebook, un carissimo amico ha lanciato una domanda su cosa abbiamo imparato dal coronavirus. La domanda era aperta a tutti, ma mi ha detto che aveva un interesse particolarte per la mia opinione, perciò ci ho pensato un po’ e questa è la mia risposta.

In realtà, più che di cose che abbiamo imparato personalmente preferisco parlare di cose che potremmo imparare, come singoli individui, volendo, perchè non credo sarà automatico e non credo sarà lo stesso per tutti.

Per esempio, potremmo imparare molto sulle priorità, le nostre e quelle delle persone che conosciamo. Sicuramente abbiamo tempo per pensare se le nostre azioni riflettono le nostre priorità o c’è un divario fra quel che pensiamo e quel che facciamo. E per pensare se vogliamo cambiare questo o come farlo.

Potremmo anche imparare molto sui punti deboli, nostri, delle persone che conosciamo, delle istituzioni a cui deleghiamo molte cose. Questa crisi sta mettendo sotto pressione tutti e chi più, chi meno sta tirando fuori in alcuni momenti il suo peggio, ognuno come risposta a quello che gli fa male, tutti se la prendono con i runners, con chi ha il cane o con chi non ha la mascherina, ma non tutti per lo stesso motivo, alcuni per paura, altri per invidia. Potremo capire qual è il problema e lavorarci.

Potremmo anche imparare molto sui veri bisogni, su tutte le cose che non abbiamo nemmeno cercato di fare in questo momento di privazioni, potremmo aprofittare per fare pulizie e smettere di fare tutte le cose inutili che facevamo prima. 

Potremmo anche imparare molto (e qui mi fermo per questione di spazio) sulla gratitudine, potremo imparare ad essere grati per quel che avevamo e abbiamo perso, per quel che abbiamo ancora e per quel che riavremo.

Infatti, il mio invito è proprio a lavorare su questo, se imparassimo ad essere più grati e meno giudicanti, tutto sarebbe valso la pena. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.