Il viaggio di Elisabet (1992)

27 Nov 20

La settimana prossima inizia dicembre, e mi sono accorta che non vi ho ancora parlato di un’altro dei miei libri preferiti del mio amato Jostein Gaarder, Il viaggio di Elisabet. Un viaggio nel tempo e nella magia del Natale, con la tenerezza e la magia che contraddistinguono l’autore.

Racconta la storia di un bambino, Joakim, che compra un calendario dell’avvento che lo attira dalla vetrinetta di un piccolo negozio, da un simpatico libraio, perchè in esso crede di aver visto qualcosa di magico. Infatti, in ognuna delle ventiquattro finestrelle del calendario, una per ogni giorno, dal primo dicembre alla vigilia di Natale, invece dei soliti cioccolattini che si trovano normalmente in questi calendari, ci sono dei bigliettini che lo trasportano lontano nel tempo e nello spazio e gli fanno conoscere una singolare comitiva formata da angeli, pecore, imperatori e personaggi biblici.

I bigliettini raccontanno l’incredibile storia di Elisabet e del suo viaggio nello spazio, verso la Terrasanta, e nel tempo fino alla nascita di Gesú. Una bambina curiosa, storie dentro alle storie, come se fossero scatole che nascondono altre sctaole e non si sa mai dove potranno portarci. Una storia ricca di magia per tornare a credere nell’incanto della vita.

Un libro da leggere, un capitolo al giorno durante tutto il mese, per recuperare un certo spirito natalizio, per perderci anche noi in quel viaggio fantatsico in cui, alla fine, non si capisce dove inizia la magia e dove finisce la realtà.

Io l’ho letto tutto d’un fiato la prima volta e un anno anche giorno per giorno, per le mie figlie, ed è sempre un piacere e una scoperta di cose nuove che non sono solo nel libro ma dentro di chi legge.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.