Il viaggio di Elisabet (1992)

La settimana prossima inizia dicembre, e mi sono accorta che non vi ho ancora parlato di un’altro dei miei libri preferiti del mio amato Jostein Gaarder, Il viaggio di Elisabet. Un viaggio nel tempo e nella magia del Natale, con la tenerezza e la magia che contraddistinguono l’autore.

Racconta la storia di un bambino, Joakim, che compra un calendario dell’avvento che lo attira dalla vetrinetta di un piccolo negozio, da un simpatico libraio, perchè in esso crede di aver visto qualcosa di magico. Infatti, in ognuna delle ventiquattro finestrelle del calendario, una per ogni giorno, dal primo dicembre alla vigilia di Natale, invece dei soliti cioccolattini che si trovano normalmente in questi calendari, ci sono dei bigliettini che lo trasportano lontano nel tempo e nello spazio e gli fanno conoscere una singolare comitiva formata da angeli, pecore, imperatori e personaggi biblici.

I bigliettini raccontanno l’incredibile storia di Elisabet e del suo viaggio nello spazio, verso la Terrasanta, e nel tempo fino alla nascita di Gesú. Una bambina curiosa, storie dentro alle storie, come se fossero scatole che nascondono altre sctaole e non si sa mai dove potranno portarci. Una storia ricca di magia per tornare a credere nell’incanto della vita.

Un libro da leggere, un capitolo al giorno durante tutto il mese, per recuperare un certo spirito natalizio, per perderci anche noi in quel viaggio fantatsico in cui, alla fine, non si capisce dove inizia la magia e dove finisce la realtà.

Io l’ho letto tutto d’un fiato la prima volta e un anno anche giorno per giorno, per le mie figlie, ed è sempre un piacere e una scoperta di cose nuove che non sono solo nel libro ma dentro di chi legge.

Lo avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.