Il tredicessimo piano (1999)

Questa settimana toriamo a riscoprire una chicca della fantascienza tecnologica di fine anni novanta: Il tredicesimo piano, con Craig Bierko che, sinceramente, non conoscevo e Vincent D’Onofrio, un attore che adoro.

Racconta la storia di un gruppo di programmatori che ha creato uno spazio virtuale molto realistico in cui “vivere” esperienze molto intense, è un po’ precursore di .

In questa versione del gioco, per entrare nel mondo del gioco si crea un personaggio che, per il resto del tempo ha una sua vita “normale” e che, vengono “posseduti” dal giocatore mentre gioca e, dopo, hanno dei vuoti di memoria.

Guardandolo sorgono migliaia di domande su chi siamo, su cosa è reale e cosa non lo è, sulla differenza fra persone e personaggi, sull’importanza di tutto quello che facciamo o diciamo in questo mondo o in altri, ecc. E, quello che amo di più, la maggior parte rimangono aperte.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

Amati (2020)

Amati (2020)

Oggi vorrei parlare di un libro legato all’argomento dei film di cui ho parlato durante questo mese, i rapporti fra uomini e donne. Si tratta del nuovissimo Amati: Piccola Guida Femminile per una Grande Autostima, di Marianna Cimmino.

Think like a man (2012)

Think like a man (2012)

Per finire l’argomento sulle differenze tra uomini e donne, oggi vi parlerò di un’altro film che ho visto su Netflix, Think like a man, che prende titolo da un libro, scritto da un uomo, per le donne, in cui descrive una serie di tipologie di uomini, e le strategie utili per poter conquistarli…

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.