Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

18 Apr 19

 Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

Come dicevo è un film che parla di immaginazione, ma soprattutto, come dal  suo titolo, di un ritorno. Della possibilità di recuperare quel che abbiamo perso, che sia una persona, recuperando i sentimenti che quella persona ci faceva provare e che sono ancora dentro di noi. E per farlo basta rinunciare all’eccesso d’importanza data alla logica.

Mi ha convinta dall’inizio del film, quando Mary Poppins arriva e i bambini dicono “siamo maturati molto dell’anno scorso” e lei risponde “vedremo cosa si può fare”. E quando dice “sono venuta per i piccoli Banks” e poi, guardando i bambini “a anche per voi”.

È piena di frecciattine e di frasi che più o meno abbiamo pensato tutti in qualche occasione. Ho adorato particolarmente la scena con la cugina Topsy (Meryl Streep) sul modo in cui cambiando il modo in cui vediamo le cose possiamo cambiare il nostro mondo.

Quella con Dick Van Dyke, che adoro, che ci ricorda di ballare anche quando tutti gli altri dicono che non sei più in grado. E quella con Angela Lansbury,  che ci ricorda che tutti abbiamo ancora un bambino dentro che può andare su con un palloncino… perchè tutto è possibile persino l’impossibile!

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.

Joan Lui (1985)

Joan Lui (1985)

Oggi voglio parlarvi di un film molto particolare, italiano, vecchio, e molto discusso, criticato da alcuni e ammirato da altri, e che io ho adorato: Joan Lui, Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì, con un Adriano Celentano megalomane e divino.