Il principe (1513)

Martedì parlando di letture, un mio caro amico mi ha detto che stava leggendo Il principe (di Machiavelli) e ho pensato che non avevo ancora mai parlato di libri classici perciò l’ho riletto e voglio condividere con voi perchè penso sia attuale e utile.

Un libro che è una pietra migliare della letteratura e allo stesso tempo un trattato di storia, di psicologia, di sociologia e di filosofia. Semplice perchè scritto per spiegare le proprie conclusioni ad un “profano” e non solo per essere letto da eruditi.

Non una virgola da ignorare, dalla presentazione in cui dice che il regalo più grande che possa fare è condividere le sue conoscenze. L’unica cosa facile di dimenticare sono tutti gli esempi storici con cui “dimostra” che quel che è dice non è inventato di sana pianta.

Un libro che parla di potere, e di come amministrarlo pensando al breve e al lungo termine. Un insieme di consigli per ogni principe da cui possiamo dedurre ed estrapolare consigli utili per tutti, giacchè il potere è sempre più diffuso. Ognuno di noi può avere delle persone o dei momenti in cui ha il potere e altre in cui no.

Diventa sempre più importante individuare le eventuali strategie e le possibili risposte che darà il mondo, sia nelle situazioni in cui il potere lo si ha, per saper come amministrarlo, che nelle situazioni in cui non lo si ha, per sapere come funzionano le dinamiche e definire delle strategie funzionali per averlo o per vivere meglio anche non avendolo.

Basta aggiornare alcune parole, pensare che chiama principe a qualsiasi persona abbia del potere su altri, altri nobili sarebbero i suoi pari, l’esercito sarebbero le risorse umane, ecc. Provate…

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.