il naufrago

20 Jun 22

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Dopo un primo momento di disperazione, prese delle pietre e scrisse la parola “HELP!” sulla sabbia della spiaggia, con lettere giganti perchè potessero essere viste dal cielo.

Poi costruì una capanna fatta di rami per proteggersi, dall’intemperie e da eventuali bestie, trovò il posto migliore per pescare e per fare il bagno. Giorno dopo giorno le sue speranze di essere salvato lasciavano spazio alla convizione che non sarebbero mai venuti a prenderlo e che sarebbe invecchiato e morto lì da solo.

Un giorno, tornando dalla pesca, vide una colonna di fumo alzarsi nel cielo. Corse per vedere che cosa stava accadendo e trovò che la capanna, tutto ciò che possedeva, quello che aveva costruito con tanti sforzi, aveva preso fuoco ed era completamente bruciata.

Era più di quanto potesse sopportare. Adirato con Dio, l’uomo si era lasciato cadere a terra, in ginocchio, piangendo.

– Che cos’altro mi toglierai? Non mi è rimasto più nulla! -aveva gridato- Ho perso tutto una volta e mi sono arrangiato, ma anche una seconda… è troppo! Cosa ti ho fatto perchè tu mi punisca così?

Proprio in quel momento, udì un forte rombo dal cielo sopra di lui e smise di piangere. Alzando lo sguardo vide un elicottero che stava atterrando a poca distanza.

– Siete arrivati! -gridò l’uomo ai soccorritori- Ma come mi avete trovato?

– Abbiamo visto il fumo -disse il pilota sorridendo e indicando le ceneri della capanna che stavano bruciando lentamente- Cercavamo superstiti da tempo e stavamo per arrenderci quando abbiamo visto il fumo.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.