il momento giusto

26 Jul 21

Dicono che c’era una volta un professore universitario molto amato per la comprensione che dimostrava, non solo della sua materia, ma anche del mondo in cui viviamo, che un giorno vide arrivare tardi in classe uno dei suoi allievi preferiti. Era in ritardo e si vedeva che si sentiva in colpa. I compagni lo guardarono malissimo, ma il professore interruppe quel che stava facendo e disse:

– Sapevate che dopo gli attacchi dell’11 settembre, un’azienda che aveva i suoi uffici nel World Trade Center invitò i suoi dirigenti e dipendenti sopravvissuti all’attacco, a condividere le loro esperienze su quel giorno? Chi lo desiderava poteva scrivere in uno spazio condiviso come l’aveva vissuto e come mai non era al lavoro.

Qualcuno era in ritardo perché era il primo giorno di scuola materna del figlio; c’era una donna che aveva ritardato perché la sua sveglia non era suonata in tempo; qualcuno era in ritardo perché è rimasto bloccato sulla strada perchè c’era stato un incidente; qualcun altro sopravvissuto aveva perso l’autobus;
c’era un giovane stagista che si era buttato addosso del cibo e aveva bisogno di tempo per cambiarsi; A qualcuno avevano soffiato il taxi sotto i suoi occhi; a qualcun’altro non era partita la macchina…

– Ma la storia che ha colpito di più è stata quella di un uomo che quella mattina si era messo un paio di scarpe nuove, e poco prima di entrare al lavoro aveva notato che aveva una vescica. Si è fermato in farmacia per un cerotto ed è per questo che oggi è vivo.

– Ognuno di loro, in quel momento, ha maledetto quella circostanza che stava interponendosi fra loro e il lavoro, e si è sentito in colpa. Ma poi, quando tutto è crollato, l’hanno benedetta perchè ha salvato le loro vite.

– Da quando ho letto quello studio, ora, quando rimango bloccato nel traffico, quando perdo un autobus, quando chiunque è in ritardo, penso subito: questo  è il posto esatto in cui devi essere in questo preciso momento, non arrabbiarti o frustrarti. Sei nel posto giusto… al momento giusto.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.