il mio migliore amico

13 Sep 21

Dicono che c’era una volta un professore di filosofia, di un liceo di periferia, molto amato dai suoi studenti per i suoi esempi e le sue storie, che un giorno li incontrò, dopo l’intervallo, che parlavano di amicizia e dicevano che la loro amicizia sarebbe durata per sempre.

– Il vostro è un bellissimo pensiero – disse il maestro – a proposito di amicizia, vorrei raccontarvi la storia di due amici. Pietro e Paolo erano come fratelli, sempre insieme, da quando erano piccoli, facevano tutto insieme e ognuno diceva sempre dell’altro che era il suo migliore amico. Alle elementari facevano dei pigiama party un weekend si e uno no, alle medie studiavano insieme ed erano andati a vivere nella stessa residenza per studenti, all’università.

Avevano molti interessi in comune, si volevano tanto bene, ed erano convinti che la loro amicizia sarebbe durata per sempre, fino a quando una sera, Pietro ebbe un incidente tornando alla residenza con la bici a mezzanotte e chiamò Paolo perchè venisse ad aiutarlo. L’amico si svegliò, si alzò e arrivò il prima che potè per aiutarlo, ma la loro amicizia non fu più la stessa. Maria, una compagna di classe che era amica di entrambi, molto triste per il loro distanziamento, chiese ai due ragazzi cosa era successo. Le risposte la sorpresero tanto.

Pietro disse che quella sera aveva capito che quello che credeva il suo migliore amico non lo era mai stato, che per lui un vero amico è qualcuno che, se hai un problema, lo puoi chiamare a qualsiasi ora. Che lui era così, e solo quella notte aveva capito che Paolo non lo era. Era arrivato e l’aveva aiutato, ma era molto scocciato e scorbutico

Paolo, invece, disse che per lui un amico era qualcuno che non ti avrebbe mai disturbato a mezza notte, e che, quella notte, quando Pietro lo aveva chiamato, aveva  mostratrato una grande mancanza di rispetto nei suoi confronti. Disse che non l’avrebbe mai perdonato.

 

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.