Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Tutto parte da una ricerca delle ragioni della longevità nei popoli in cui le persone vivono più anni e con maggior salute e felicità. Parla di filosofia, di alimentazione e di stile di vita.

Atteggiamenti, abitudini, dieta, esercizio fisico, rapporti e relazioni con gli altri e con loro stessi. Alcune cose si possono fare da soli, calma, resilienza, e soprattutto, il famoso Ikigai, o proposito di vita, molto legato con l’argomento della logoterapia di Frankle, di cui abbiamo già parlato. La cosa più bella di questo ikigai è che non lo prendono troppo sul serio. In quello che fanno c’è anche relax e divertimento.

Altre sono legate alle relazioni, festeggiano spesso, hanno un grande rispetto delle tradizioni, e vivono con yuimaru, o spirito di collaborazione reciproca, di cui la parte più importante è reciproca. Non è beneficienza, non ci sono forti che si prendono cura dei deboli, è più un mondo in cui tutti aiutano tutti, ognuno con le sue possibilità e limitazioni. Infatti sono sempre occupati ma non solo con attività “produttive”, molte sono attività ludiche o sociali.

Il libro è molto interessante, ma devo avvertirvi che il titolo può risultare fuorviante, parla dell’importanza dell’ikigai ma non fa menzione di come poter capire il proprio o dei metodi su come avvicinarsi ad esso, scrive semplicemente che è importante…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.