Il Linguaggio Segreto del Linguaggio (2014)

Oggi voglio parlarvi di un libro che mi è piaciuto molto, scritto da una psicosintesista di formazione, che tiene corsi e work-shop di comunicazione verbale, non verbale e fisiognomica, Anna Guglielmi. In realtà ho preso tre libri ma ho letto per primo l’ultimo, Il Linguaggio Segreto del Linguaggio, Cosa si nasconde dietro le parole.

È un libricino pieno di spunti interessanti, qualche anneddoto e tanti esempi per riflettere sul potere della parola. Perchè, come diciamo sempre in questo blog, alcune parole hanno superpoteri.

Spiega come scegliere le parole per fare amicizia quando siamo nuovi e non conosciamo nessuno, anche se è sempre soggettivo, è importante tenere in considerazione le connotazioni comuni di alcune parole per usarle con cura.

Parla dell’importanza dell’ascolto, che alcuni tendono a igorare, quando parlano di linguaggio. Delle potenzialità dell’ascolto attivo rispetto a quello passivo. Perchè ascoltando il nostro interlocutore con attenzione e sapendo il potere che hanno le parole possiamo capire più di quanto viene detto e rispondere di conseguenza.

Parla anche del linguaggio della seduzione, anche se questo è un argomento che credo sia troppo soggettivo e che ci sarebbe da approfondire molto di più.

Parla anche di come affrontare le critiche, come togliere l’ecceso di emotività che ha chi le usa, come non difendersi attaccando e come portare la conversazione ad un livello che permetta di trovare soluzioni ai problemi.

L’avete letto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.