il giro del 99

Dicono che c’era un re molto triste che aveva un servo molto felice che circolava sempre con un grande sorriso sul volto, un giorno gli chiese qual era il segreto della sua felicità ma il giullare non seppe cosa rispondere, non c’erano segreti, semplicemente non aveva motivo di essere triste. Era felice di servire il suo re, viveva con la sua famiglia nella casa che era stata assegnata loro, aveva cibo e vestiti, ogni tanto riceveva anche qualche mancia…

Ma il re, non soddisfatto della risposta, chiamò il più saggio dei suoi consiglieri e disse: “Voglio conoscere il segreto della felicità del giullare!” Il consigliere rispose: “Non puoi capire il segreto della sua felicità. È felice perchè non è mai entrato nel giro del 99. Ma se vuoi, puoi sottrargliela! Facendolo entrare.”

Seguendo le indicazioni del consigliere, il re invidioso preparò una borsa che conteneva novantanove monete d’oro e la fece dare al giullare con un messaggio che diceva: “Questo tesoro è tuo. Goditelo come preferisci ma non dire a nessuno come lo hai trovato.”

Il giullare non aveva mai visto tanto denaro, pieno di eccitazione cominciò a contarle: dieci, venti, trenta, sessanta, novanta, novantanove! Deluso, indugiò con lo sguardo sopra il tavolo, alla ricerca della moneta mancante, e poi gridò: “Sono stato derubato! Sono stato derubato! Maledizione!”

 Cercò di nuovo sopra il tavolo, per terra, nella borsa, tra i vestiti, nelle tasche, sotto ai mobili… Ma niente. Sul tavolo, quasi a prendersi gioco di lui, un mucchietto di monete splendenti gli ricordava che aveva novantanove monete d’oro, e pensò: “Perchè soltanto novantanove, novantanove monete… Sono tanti soldi, ma mi manca una moneta. Novantanove non è un numero completo!, cento è un numero completo, novantanove no!”

La faccia del giullare non era più la stessa. La sua vita non era più perfetta. Si era convinto di non poter essere più felice senza la centesima moneta. Aveva la fronte corrugata e i lineamenti irrigiditi. Stringeva gli occhi e la bocca gli si contraeva in una orribile smorfia, mostrando i denti.

Passava i giorni a calcolare quanto tempo avrebbe dovuto lavorare per guadagnare la centesima moneta, avrebbe fatto lavorare sua moglie e i suoi figli. Dieci, dodici anni, ma ce l’avrebbe fatta! Il giullare era entrato nel giro del novantanove.

Non passò molto tempo che il re lo licenziò. Non era piacevole avere un giullare sempre di cattivo umore.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

nuotare

nuotare

Dicono che c’era una volta un dotto professore, uno dei luminari più importanti del mondo, che veniva spesso invitato a tenere lezioni in tante università e circoli, era stato persino candidato al premio Nobel.

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Oggi voglio parlarvi di un’altra commedia italiana vista su amazon premiun, Torno indietro e cambio tutto, con Raoul Bova, che racconta la storia di due amici che, insoddisfatti delle proprie vite, sperano di tornare indietro di vent’anni…

paure contrapposte

paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.

non capisco

non capisco

Oggi vorrei riflettere insieme a voi sul significato e l’uso di un paio di parole che, in molti casi, anche se potrebbero aiutarci ad uscire dai problemi e, tendono a farci sprofondare sempre di più: “non capisco”.

troppi soldi

troppi soldi

Dicono che c’era una volta un artigiano molto noto nella sua città. Un pomeriggio, mentre spiegava il mestiere al suo apprendista, arrivò un cliente, chiese un preventivo per un lavoro e, quando sentì il prezzo, disse “mi sembrano un po’ troppi soldi per un lavoro così piccolo”…