Il drago dei desideri (2021)

24 Jun 21

Questa settimana mi sono guardata un cartone animato su Netflix, Il drago dei desideri, una bellissima storia con un drago dei desideri, una particolare versione cinese del solito genio della lampada che concede tre desideri, ma che aiuta anche il giovane che la trova a capire cosa desidera.

La lampada, in questo caso è una teiera, viene trovata da un ragazzino molto povero, che vive in un piccolo sobborgo e che continua a pensare alla sua amica d’infanzia, con cui si era promesso di rimanere migliori amici per sempre, ma che era stata portata via dal padre per darle una vita migliore.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, è un invito molto tenero e carino a riflettere sulle propie priorità, il denaro, l’amicizia, il lavoro, i soldi, e ha una bella storia sul passato del drago dei desideri e su come sia diventato quello che è.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.